Pasta e fagioli per il pranzo di San Michele, detto anche dei garzoni, del 29 settembre

 Pasta e fagioli con maltagliati
Ricetta di una famiglia nobiliare ravennate di inizio ‘900 (Romagna)

.

Mettere a bagno grammi 500 di fagioli (borlotti) dodici ore circa prima di cuocerli in due litri di acqua piovana perchè si rammolliscano. Fare a parte un soffritto con grammi 300 di pancetta, un mazzetto di prezzemolo, tre spicchi di aglio, tutti ben tritati, un cucchiaio di brodo, due di olio, sale e pepe. Aggiungere nel brodo di cottura e ai fagioli il soffritto fatto a parte e cuocere dentro maltagliati¹, detti anche sbruffetti, o ditalini o gramigna. A cottura avvenuta spolverare abbondantemente la pasta suddetta con formaggio parmigiano grattugiato

pasta fagioli (2)pasta fagioli .

.

.

.

¹I Maltagliati si preparano arrotolando la sfoglia come per le tagliatelle, poi si dà un taglio diritto e uno diagonale in modo da formare dei triangoli allungati.

29-09-2013 09;14;13.JPG

Pasta e fagioli con ditalini
“Cucinario di una vecchia famiglia nobiliare”: Menù per festività e ricorrenze con oltre 350 ricette raccolti in un cucinario di una vecchia famiglia nobiliare romagnola che il rampollo Giovanni Manzoni ha svelato in questo libro ricco di suggerimenti e leccornie. Tra le ricette più selezionate ben otto modi di fare i cappelletti romagnoli ed altrettanti per i tortellini bolognesi con tanto di brodo doc per palati fini.
Da citare la polenta alla Manzoni che riporta gli antichi sapori nostrani, poi per sbizzarrirsi si può provare a cucinare altre ricette che si adattano a qualsiasi piatto ed accostamento di cibi. Lugo di Romagna 1985.
 Pasta e fagioli per il pranzo di San Michele
Pasta e fagioli per il pranzo di San Michele, detto anche dei garzoni, del 29 settembreultima modifica: 2014-09-24T07:55:00+00:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo