Pesce intero: Ricciòla al forno con patate

I classici. Pesce intero: Ricciòla al forno con patate, pomodorini e cipolla o scalogno

.
La ricciola è un pesce bello, lungo e affusolato come un siluro, potente e forte come può esserlo solo un corridore del mare. Il profilo è leggermente ricurvo, il muso è arrotondato ed è caratterizzato da un’espressione severa, quasi corrucciata.
Ingredienti e dosi

 1 ricciòla, patate, pomdorini ciliegino, 1 cipolla o 1 scalogno, 4 spicchi d’aglio, prezzemolo, rosmarino, 1 bicchiere di vino bianco secco, olio evo, sale e pepe.

(I tempi e le quantità sono indicativi)
Preparazione

 Mettete in una teglia le patate pelate e tagliate a tocchetti; unite la cipolla pelata e tagliata a grossi pezzi e i pomodorini, gli spicchi d’aglio (uno per ogni lato della teglia), sale, pepe e olio. Mescolate.

Aprite la pancia del pesce e salate con sale grosso, soprattutto nella testa.
Inserite nel taglio qualche spicchio d’aglio, rosmarino e prezzemolo. Chiudete bene e condite con un giro d’olio e un bicchiere di vino.

ricciòla (3)    ricciòla    ricciòla (4)    ricciòla (5)

Adagiate nella teglia la ricciòla pulita e svuotata.

Mettete in forno preriscaldato a 200 gradi circa e cuocete per circa 45 minuti circa. Il tempo di cottura varia a seconda della grandezza della ricciòla.

Vino

Accompagnate con vino bianco secco: Verduzzo (Friuli), Trebbiano di Romagna, Verdicchio delle Marche.

Pesce intero: Ricciòla al forno con patate
  • Come si pulisce il pesce.
  • Per pulire il pesce occorre innanzitutto di squamarlo: a questo scopo, tenendo fermi i pesci per la coda, passate rapidamente il coltello sul corpo di esso dalla coda verso la testa e tenendolo inclinato per non intaccarne la pelle. Togliete quindi le branchie alzando gli opercoli e adoperando il coltello come una leva. Nella città i pesci grossi sono posti in vendita senza i visceri. Per togliere questi ultimi dovete fare un’incisione lungo il ventre che vi permetterà di asportarli. Lavate quindi con molta acqua fresca i vostri pesci avendo cura di portar via tutti gli eventuali residui delle squame, delle branchie e dei visceri.
      Almanacco della Cucine 1935
Clicca sull’uimmagine per vederla ingrandita