Cockails per le signore!!

.

Cockails per le signore!!

Un cocktail è una bevanda ottenuta tramite una miscela proporzionata ed equilibrata di diversi ingredienti alcolici, non alcolici e aromi. Un cocktail ben eseguito deve avere struttura, aroma e colore bilanciati; se eseguito senza l’uso di componenti alcoliche viene detto cocktail analcolico.

Il cocktail può presentare all’interno del bicchiere del ghiaccio, non presentarlo affatto (come alcuni cocktail invernali quali i grog), oppure può essere solo raffreddato con del ghiaccio.

Una classe particolare di cocktail è costituita dagli shot, piccoli cocktail che possono avere tutte le caratteristiche di un normale cocktail e sono serviti in due tipologie di bicchieri, gli shot e i bite.

.

Cockails per le signore!!

Cocktail MANHATTAN
1/2 whisky, 1/2 Vermouth rosso, goccia di Angostura, ghiaccio tritato nello shaker. Scuotere, versare in piccoli bicchieri ghiacciati con buccia di limone.
Il Manhattan è uno dei più famosi cocktail a base di whisky; si serve come aperitivo. Si narra che l’inventore di questo aperitivo fosse un barman del Manhattan Club di New York (da cui il nome), che lo avrebbe preparato per la prima volta nel 1874.

Cocktail PATRIZIA
2/3 Vodka, 1/3 Vemouth dry, goccia di Angostura, buccia d’arancia. Mescolare con cubetti di ghiaccio e servire in bicchieri ghiacciati.

Cocktail PRINCESSE
1/4 Vermouth bianco amabile, 1/4 Cognac, 174 Benedectine, 1/4 Cointreau, spruzzo di Angostura ghiaccio tritato. Scuotere nello shaker.

Cocktail QUEEN ELISABETH
1/2 vermouth rosso, 1/2 Cognac. Mescolare con ghiaccio.

SPUMANTE SOUR
Versare nella flûte un cucchiaio di succo di limone, 1 cucchiaio di zucchero, colmare con spumante.

Cocktail WHITE LADY
1/3 Gin, 1/3 Curaçao blu, 1/3 succo di limone.

Cockails per le signore!!

bar bicchieri -Absynth_fire_(681831758)

“Rum, Manhattan, Tequila Old Fashioned” di Marler – Opera propria. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons
Cockails per le signore!!ultima modifica: 2013-03-09T10:38:00+01:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo