«Torta alle mandorle» del tempo dei nonni, alla maniera di Petronilla

La Tortionata o Tortjonata è friabile a base di mandorle e tipico della città di Lodi – Rollopack
La torta sarebbe nata nella prima metà dell’Ottocento dalle mani del pasticciere Carlo Tacchinardi che tramandò la ricetta ai figli Giovanni e Gaetano. Quest’ultimo la passò al proprio figlio Alessandro a cui, secondo la tradizione popolare, si deve il nome del dolce. Alessandro l’avrebbe chiamata così da un gioco di parole: la “torta di quando io sono nato”, ovvero la “torta io nata” (da lì il nome definitivo). Nel 1885 Alessandro Tacchinardi depositò legalmente il nome della torta lodigiana unitamente al marchio d’impresa, che è di proprietà della Tacchinardi srl. L’origine del nome deriva probabilmente dal termine tortijon, un filo di ferro attorcigliato che veniva anticamente utilizzato per tagliare la torta.

 « Eccovi, oggi, la ricetta di una certa torta ch’è di poca spesa; che è lesta a fare; che sempre riesce; che, se fabbricata in casa e con autentico burro, vale assai più di ogni sua sorella di pasticceria; che porta i due nomi (ed entrambi appropriati) di «torta di mandorle» e di «torta di qualità»; ch’era nota e stranota in ogni vecchia famiglia dell’800, ma che però viene sempre accolta con grande entusiasmo anche in ogni modernissima famiglia del ‘900 ; ch’è adatta sia a ricevimenti, che a pranzetti ed a pranzoni; che, pur essendo… vecchia, per parecchi giorni si mantiene giovane e fresca; ma che… Ma che, però, sarà molto prudente ammannire soltanto se in famiglia tutti i denti sono saldi, e tutti gli stomachi sani. Se dunque volete, e se anche potete…
* * *
Pesate 2 etti di mandorle dolci; mettetele in una scodella; copritele d’acqua calda; dopo pochi minuti sbucciatele; passatele, con una noce di burro, in un tegame di ferro o di alluminio; ponetele a fuoco; muovetele e rimuovetele di continuo fino a che non le vedrete tutte qua e là leggermente bruciacchiate, cioè tostate. Pesate 2 etti di zucchero. Possedete un mortaio, come dovrebbe possederlo ogni cucina… rispettabile? Pestateci allora, un po’ alla volta, e insieme, mandorle e zucchero che così si imbeverà dell’olio che le mandorle andranno perdendo.

Non possedete mortaio? Ricordando, allora, come a tutto possa riuscire una donna, purché abbia voglia, tempo e pazienza… sul piano della tavola, e con una bottiglia da vino, schiacciate le mandorle dopo averle abbondantemente cosparse di zucchero. Setacciate per setaccio a grosse maglie. Di nuovo pestate nel mortaio, o schiacciate sul tavolo, i pezzetti delle mandorle che, essendo rimasti un po’ grossi, non avranno attraversato le maglie del setaccio.

Raccogliete, in una insalatiera, tutta la polvere setacciata. Unite 3 etti di farina bianca e 2 di burro appena liquefatto. Mescolate e rimescolate, impastando per bene il tutto. Tappezzate una tortiera con un largo foglio di carta bianca. Versatevi l’impasto; e, schiacciandolo con le nocche, stendetelo in uno strato ugualmente alto. Togliete, con le forbici, la carta in eccesso. Infornate in forno caldo (meglio) o cucinate con brage sotto e brage sul coperchio (attente a non farle mancare) e quando odore e colore vi diranno che la torta è cotta, toglietela prima dalla tortiera, poi dalla carta; e…
* * *
E, se sani e saldi saranno stomachi e denti, constaterete quanto sia squisita la croccante e vecchia torta che si fa con le mandorle dolci. »

Torta alle mandorle del tempo dei nonni, alla maniera di Petronilla

Petronilla, chi era?Ricette della Petronilla libri

  • PETRONILLA: svolse un ruolo importante negli anni delle ristrettezze economiche dovute alla guerra. Di fronte alla drastica riduzione dei beni alimentari disponibili, proponeva i suoi suggerimenti «sul modo di sbarcare il lunario mangereccio, consumando poco grasso, poco riso, poca pasta, poca farina e poco zucchero; spendendo pochetto ma….nutrendo bastevolmente»
 Di Rollopack (Opera propria) [CC BY-SA 3.0, attraverso Wikimedia Commons
«Torta alle mandorle» del tempo dei nonni, alla maniera di Petronillaultima modifica: 2015-01-21T06:20:08+01:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo