Confezionare i regali: La scatola con gli abeti

Come confezionare i regali: La scatola con gli abeti

.

Fantasie natalizie
Se quest’anno a Natale vi ritrovate con più inventiva che denaro, provate a impacchettare i regali in deliziose confezioni fatte da voi in assoluta economia usando carta da pacchi e ornamenti di fortuna.
Prepararle non è difficile: il segreto sta tutto nell’esecuzione accurata e nella scelta di elementi decorativi azzeccati. La scatola con gli alberi sarebbe altrettanto piacevole con un motivo riproducente Babbo Natale o una stella.
Riducete o ingrandite i disegni per adattarli alle dimensioni dei vostri regali. I modelli possono essere ricalcati diretttamente sulla carta con cui impacchetterete il regalo oppure trasferiti prima su un cartoncino. Quest’ultima è una soluzione particolarmente indicata se desiderate riprodurre più volte il disegno.
Lasciatevi guidare dalla fantasia e create una molteplicità di graziosi pacchi regalo, tenendo presente che le migliori confezioni sono quelle in sintonia con la personalità di chi deve ricevere il dono.

Confezioni scintillanti:

Ravvolti in lucenti colori natalizi, i regali risultano davvero impreziositi. Divertitevi dunque a trasformare banali scatole in confezoni regalo che tutti saranno ansiosi di aprire.

Occorrente
Un foglio di carta metallizzata per fasciare la scatola, 1 cartoncino o della carta bianca per la seconda fasciatura, nastro biadesivo, un paio di forbici seghettate, una taglierina.

Preparazione

  1. Avvolgere la scatola: avvolgete la scatola con carta metallizzata e fissate bene le scatola,abeti,alberelli,carta bianca,tagliare,disegnare,piegare,natale,regalipieghettature.
  2. Preparare il cartoncino: tagliate il foglio di carta bianca da avvolgere intorno alla scatola, lasciando 2,5 cm. di margine per l’incollatura. Con le forbici, seghettate entrambi i lati del foglio facendo in modo che quest’ultimo lasci scoperte di 1 cm. entrambe le estremità della scatola (come mostrato nell’immagine). Avvolgete la carta intorno alla scatola sovrapponendone i lembi alla base e segnate con un leggero tratto di matita gli angoli di piegatura. Premete la carta lungo gli angoli per segnare le piegature.
  3. Sagomare gli alberi: usate il modello per disegnare gli alberelli sul coperchio e sui lati anteriore e posteriore della scatola. Ritagliate completamente gli alberi sui lati, scatola,abeti,alberelli,carta bianca,tagliare,disegnare,piegare,natale,regalilasciando invece attaccati alla base quelli sul coperchio.
  4. Fissare il rivestimento: avvolgete di nuova la carta intorno alla scatola rispettando i segni delle piegature. Sovrapponete la carta sul fondo della scatola e fissate i lembi con nastro biadesivo. Sollevate gli alberi.

Clicca sull’Immagine per vederla IngranditaSchemi natalizi

Confezionare i regali: La scatola con gli abeti
Tronchetto o ceppo di Natale

Bûche de Noël – Tronchetto o ceppo di Natale (arrotolato e senza forno)

 .

 Ingredienti e dosi per 8 persone

1 kg. di purea di marroni (anche in scatola), 300 gr. di cioccolato, 200 gr. di zucchero a velo, 200 gr. di burro, glassa al cioccolato¹.

Preparazione

Rompete il cioccolato a pezzi e fatelo sciogliere in una casseruola dal fondo pesante. Incorporate 150 gr. di zucchero, il burro rammollito e la purea di marroni.

Lavorate il composto fino a renderlo omogeneo con un cucchiaio di legno e su fuoco moderato. Versatelo su di un foglio di alluminio, arrotolatelo a forma di tronco mettetelo ad indurire nel freezer. Disponetelo poi sul piatto di portata.

Coprite con la glassa lisciando la superficie usando la lama di un coltello, che immergerete prima in acqua calda. Cercate di imitare la scorza del tronco grattandolo con la punta della forchetta. Spolverizzate con lo zucchero a velo per imitare la neve.
 

La Buona Tavola 1982

¹La glassa al cioccolatio
 Usate il cioccolato che più gradite (fondente, bianco ecc.). Sciogliete il cioccolato a bagnomaria: dopo aver messo il pentolino con l’ acqua sul fornello, ponete al suo interno il pentolino vuoto, nel quale verserete un bicchiere di acqua e il cioccolato a pezzetti, mescolando il tutto con un cucchiaio di legno.
È importante che il composto venga cotto a fiamma lenta. Mano a mano che la cioccolata inizia a sciogliersi e ad amalgamarsi con l’acqua, aggiungere poco alla volta altri pezzetti di cioccolato, sempre continuando a mescolare. Dopo aver terminato di aggiungere tutti i pezzi di cioccolato, versare il burro, sempre tagliato a pezzetti. Continuate a mescolare fino a quando il composto sarà divenuto liscio e lucido. Se la glassa, nel cuocersi, inizia a seccarsi, è possibile aggiungere ancora un po’ di acqua, senza esagerare però: se si mette troppa acqua nel composto si rischia che venga troppo liquido e che nel metterlo su una torta, coli da ogni lato. Appena inizia a bollire, togliere il cioccolato dal fuoco, per evitare che indurisca. Prima di metterla a raffreddare, aggiungete sulla superficie della glassa delle sottili sfoglie di burro, al fine di evitare la formazione della classica patina da raffreddamento. Evitare di porre la glassa in frigo, perché si potrebbe correre il rischio che rassodi troppo e che sia poi impossibile utilizzarla. Una volta che si è raffreddata bene, è possibile procedere con le decorazioni. Per avere un ottimo risultato, è consigliabile iniziare a versare il cioccolato al centro del dolce, poco alla volta, e stenderlo sino ai bordi con un coltello abbastanza grande, liscio e inumidito.
Tronchetto o ceppo di Natale
Vino

Moscato, Malvasia

Leggi anche
Bûche de Noël facile (2014-12-23).jpg
Par Mathieu MD — Travail personnel, CC BY-SA 3.0,
Par Jebulon — Travail personnel, CC0,
Pupazzo Felice Natale Pasta speziata

Il pupazzo Felice Natale

 

Occorrente

Pasta speziata, glassa reale, confettini colorati, carta trasparente, forbici, pennello fine, carta d’alluminio.

Preparazione

  • Stampate, ingrandite a piacere, copiate la sagoma del pupazzo e ritagliatela
  • Stendete la Pasta speziata in una sfoglia spessa 1 cm. e ritagliate la sagoma.
  • Mettetela su di una teglia foderata con carta d’alluminio.
  • Fatela cuocere in forno a 180 gradi per 15 minuti: deve essere ben dorata. Fate raffreddare il biscotto perfettamente.
  • Con il pennello dipingete con la glassa reale il cappello, le sopracciglia, il collo, la cintura e la scopa del pupazzo.
  • Fissate sul vestito i confettini con un po’ di glassa.
  • Fate asciugare perfettamente la glassa.

“Regali dalla mia cucina” 1978

 
 

Clicca sull’immagine per vederla ingrandita

Pupazzo Felice Natale Pasta speziata

***

 
Guido Gozzano, poeta torinese vissuto a cavallo tra il 1883 ed il 1916 si dedicò dopo gli studi non così brillanti (non riuscì a laurearsi in legge presso l’università di Torino) alla poesia, nattativa e prosa dove trovò la sua strada.
Le sue opere furono fortemente influenzate dalla sua malattia (la tisi) che lo portò ad una morte precoce a soli 33 anni. Nei suoi versi vi è un romantico desiderio di felicità e di amore che si scontra presto con la quotidiana presenza della malattia e della delusione amorosa.
Tra le sue poesie questa, dedicata al natale ed alla nascita di Gesù Bambino: 

”E’ nato! Alleluia!”
 E’ nato il sovrano bambino,
 è nato! Alleluia, alleluia!
 La notte che già fu sì buia
 risplende di un astro divino.
 Orsù, cornamuse, più gaie
 suonate! Squillate, campane!
 Venite, pastori e massaie,
 o genti vicine e lontane!
 Non sete, non molli tappeti,
ma come nei libri hanno detto
 da quattromill’anni i profeti,
 un poco di paglia ha per letto.
 Da quattromill’anni s’attese
 a quest’ora su tutte le ore.
 E’ nato, è nato il Signore!
 E’ nato nel nostro paese.
 Risplende d’un astro divino
 la notte che già fu sì buia.
E’ nato il Sovrano Bambino,

Confezionare i regali: Il sacchetto di carta

Come confezionare i regali: Il sacchetto di carta

Fantasie natalizie

Se quest’anno a Natale vi ritrovate con più inventiva che denaro, provate a impacchettare i regali in deliziose confezioni fatte da voi in assoluta economia. Lasciatevi guidare dalla fantasia e create una molteplicità di graziosi confezioni, tenendo presente che le migliori sono quelle in sintonia con la personalità di chi deve ricevere il dono.

Confezioni scintillanti:
Ravvolti in lucenti colori natalizi, i regali risultano davvero impreziositi. Divertitevi dunque a trasformare semplici sacchetti della spesa in confezoni regalo che tutti saranno ansiosi di aprire.

Occorrente
Un sacchetto di carta metallizzata, vernice dorata o argentata, nastro biadesivo, un foglio di carta bianca per coprire la stella, una taglierina, un tagliere o del cartone.

Preparazione

  1. Ritagliate la stella: Sistemate il tagliere o il cartone all’interno del sacchetto, poi, usando il modello della stella grande e una taglierina, ritagliate la decorazione su un lato del sacchetto. Ornate i bordi con vernice o polverina argentata.
  2. Applicare il cartone: Tagliate un quadrato 15×15 cm. di carta bianca. Applicatelo con nastro biadesivo sul ritaglio a forma di stella all’interno del sacchetto

03-12-2012 15;02;39 - Copia.JPG

Preparare questi sacchetti con la stella non è difficile: il segreto sta nell’esecuzione accurata e nella scelta di elementi decorativi azzeccati. Il sacchetto potrebbe assumere un aspetto ancor più grazioso se dal ritaglio sbucasse un piccolo orsetto o un Babbo Natale.

Riducete o ingrandite i disegni per adattarli alle dimensioni dei vostri regali. I modelli possono essere ricalcati diretttamente sulla carta con cui impacchetterete il regalo oppure trasferiti prima su un cartoncino. Quest’ultima è una soluzione particolarmente indicata se desiderate riprodurre più volte il disegno.

Schemi natalizi

come confezionare,regali,sacchetto,stella,taglierino,natale,cartaClicca sull’Immagine per vederla Ingranditacome confezionare,regali,sacchetto,stella,taglierino,natale,carta

 Confezionare i regali: Il sacchetto di carta
2 Portatovagliolo carici

2. Portatovaglioli fai-da-te: Il portatovagliolo di carici

Occorrente

Un mazzetto di 18 foglie di carice¹ lunghe circa 40 cm.

 Preparazione
  1. L’ allineamento: Disponete le foglie in modo che siano allineate ala base; adagiatevi sopra il tovagliolo e avvoltolatelo per illungo avendo cura di non spiegazzarlo.
  2. Legare le foglie: Con cura legate tra di loro le foglie con un nodo semplice, assicurandovi che restino allineate alla base.
  3. Apritele a ventaglio

¹Carici – Carex è un genere di piante della famiglia delle ciperacee. È il genere più ricco di specie dell’intera famiglia. Si trova in tutto il mondo ma principalmente nelle zone temperate. La maggioranza dei carici (ma non tutti) si trovano in zone umide dove possono costituire la vegetazione dominante, in particolare nelle torbiere basse dette cariceti.

secorazioni,albero di natale,pigna,fiocco,ghirlanda,globi,bacche,rosso,oroportatovaglioli,carice,nodo,tavola,pasqua,natale,festa

da Idee creative 1982   

Il Portatovagliolo

  • a anello, è il portatovagliolo tradizionale, consiste in un anello di materiale robusto: metallo, legno o plastica, che contiene, arrotolato un solo tovagliolo di tessuto. Nel coperto viene posato a destra del piatto. Serviva per motivi igienici a distinguere i tovaglioli, in modo che non fossero scambiati tra i commensali, e sulla tavola di tutti i giorni, a ritrovare il proprio quando i tovaglioli non venivano cambiati ad ogni pasto, in questo caso avevano un diverso disegno o il nome per riconoscerlo.
  • per tovaglioli di carta, di forme e materiali vari contiene un mazzo di tovaglioli di carta. Di due tipi: formato da due pareti contiene i fogli in posizione verticale o costruito a scatola contiene i fogli impilati. Posto al centro della tavola quando non si posizionano i tovaglioli col coperto e nelle occasioni informali.
  • dispenser, contenitore a forma di scatola che fa uscire un solo tovagliolo di carta per volta. Usato nella grande ristorazione, come mense, bar e fast food 

2 Portatovagliolo carici 

4 Portatovagliolo edera

4. Portatovaglioli fai-da-te: Il portatovagliolo d’edera

.

Occorrente

90 cm. d’edera, tagliata in tre pezzi; filo metallico verde.

Preparazione

 

  1. I preparativi. Prendete un pezzo d’edera e piegatelo a formare un anello della circonferenza di 20 cm. Fissatele un capo dell’edera al resto dell’anello utilizzando del filo metallico verde.
  2. Il rivestimento dell’anello. Assicurate l’altra estremità all’anello, poi avvolgete i rimanenti pezzi d’edera lungo l’anello, rivestendolo.
  3. Ultimi ritocchi. Quando siete soddisfatti della vostra composizione utilizzate il filo metallico per fissarla. Inserite il tovagliolo nell’anello e sistemate l’edera con eleganza.edera1.JPG

 

Il Portatovagliolo
  • a anello, è il portatovagliolo tradizionale, consiste in un anello di materiale robusto: metallo, legno o plastica, che contiene, arrotolato un solo tovagliolo di tessuto. Nel coperto viene posato a destra del piatto. Serviva per motivi igienici a distinguere i tovaglioli, in modo che non fossero scambiati tra i commensali, e sulla tavola di tutti i giorni, a ritrovare il proprio quando i tovaglioli non venivano cambiati ad ogni pasto, in questo caso avevano un diverso disegno o il nome per riconoscerlo.
  • per tovaglioli di carta, di forme e materiali vari contiene un mazzo di tovaglioli di carta. Di due tipi: formato da due pareti contiene i fogli in posizione verticale o costruito a scatola contiene i fogli impilati. Posto al centro della tavola quando non si posizionano i tovaglioli col coperto e nelle occasioni informali.
  • dispenser, contenitore a forma di scatola che fa uscire un solo tovagliolo di carta per volta. Usato nella grande ristorazione, come mense, bar e fast food.
4 Portatovagliolo edera Idee creative 1982
1 Portatovagliolo bacche

1. Portatovaglioli fai-da-te: Il portatovagliolo di bacche

,

Occorrente

Qualche rametto di betulla; del filo metallico verde; delle bacche rosse; alcune foglie e 2 o 3 boccioli di eucalipto.

Preparazione

 

  1. Ripiegare i rametti: Curvate i rami a formare un cerchio della dimensione adatta allo spessore del tovagliolo. Legate con filo metallico i rametti in modo ben saldo
  2. Il collaudo dell’anello. Aggiungete un altro giro di rametti, unendolo al primo con filo metallico. Controllate che i rametti siano ben fissati.
  3. Sistemare le bacche. Adesso fissate bacche e foglie con filo metallico, quindi con lo stesso legatele all’anello per 12 cm. a formare un grappolo.
  4. Riempire gli spazi. Infine, sempre con filo metallico, fissate 2 o 3 boccioli di eucalipto in modo da riempire gli spazi. Assicuratevi che siano ben saldi e distribuiti uniformemente.

Bacche.JPG

   La prudenza non è mai troppa: evitare di usare materiale velenoso, come per esempio il glicine, l’alloro giapponese o l’oleandro, nelle composiziioni floreali da porre in tavola, specialmente se tra gli ospiti ci sono bambini. Tra le bacche scegliete ribes rossi o neri, mirtilli, uva spina, lamponi o fragoline.
secorazioni,albero di natale,pigna,fiocco,ghirlanda,globi,bacche,rosso,oro

 

 da Idee creative 1982   


 

Il Portatovagliolo

 

  • a anello, è il portatovagliolo tradizionale, consiste in un anello di materiale robusto: metallo, legno o plastica, che contiene, arrotolato un solo tovagliolo di tessuto. Nel coperto viene posato a destra del piatto. Serviva per motivi igienici a distinguere i tovaglioli, in modo che non fossero scambiati tra i commensali, e sulla tavola di tutti i giorni, a ritrovare il proprio quando i tovaglioli non venivano cambiati ad ogni pasto, in questo caso avevano un diverso disegno o il nome per riconoscerlo.
  • per tovaglioli di carta, di forme e materiali vari contiene un mazzo di tovaglioli di carta. Di due tipi: formato da due pareti contiene i fogli in posizione verticale o costruito a scatola contiene i fogli impilati. Posto al centro della tavola quando non si posizionano i tovaglioli col coperto e nelle occasioni informali.
  • dispenser, contenitore a forma di scatola che fa uscire un solo tovagliolo di carta per volta. Usato nella grande ristorazione, come mense, bar e fast food.

1 Portatovagliolo bacche Idee creative 1982

 

Albero di Stelle

Per Natale ecco l’Albero di Stelle

Questo originale albero di Natale sarà uno splendido centro tavola per il periodo natalizio e si conserverà per vari mesi.

INGREDIENTI

2 dosi di pasta speziata,600 gr. di zucchero a velo, 2 chiare d’uovo, poca farina,

OCCORRENTE
Carta trasparente, palline colorate, lenticchie colorate, 1 candelina, carta d’alluminio, spatola di acciaio, forbici, pennello grosso, pennello piccolo, cartone rigido.

2.JPG

PREPARAZIONE

  • Copiate con la carta trasparente il disegno (a pié di pag. ) delle stelle a 6 punte e dei cerchi e ritagliateli con le forbici. Dovete ottenere le sagome di 6 stelle di dimensioni decrescenti e le sagome di 5 cerchi di dimensioni decrescenti.
  • Preparate la pasta e tagliatene un pezzo. Stendetela su di un foglio di carta d’alluminio cosparsi di farina in una sfoglia spess2 - Copia.JPGa 1 cm.
  • Appoggiate sulla pasta la sagoma della stella più grande e tagliate la pasta tutt’intorno.
  • Eliminate i ritagli con la spatola d’acciaio e uniteli al resto della pasta.
  • Sollevate il foglio di carta d’alluminio e mettetelo sulla placca del forno o in unateglia.

2 - Copia (2).JPG

  • 3 - Copia.JPG

    Fate cuocere la stella in forno a 180° per 10 minuti circa: dev’essere dorata e ben secca..

  • Ritagliate e fate cuocere, uno alla volta, tutte le stelle e tutti i cerchi. Fateli raffreddare prima di toglierli dalla teglia, altrimenti si romperanno.
  • Fate asciugare perfettamente le stelle e i cerchi capovolgendoli sul tavolo.
  • Preparate adesso 2 glasse reali: una deve essere molto dura, simile al cemento. Ci vorranno circa 300-400 gr. di zucchero a velo a seconda della grandezza della chiara. L’altra glassa deve essere morbida e scorrevole: circa 250 gr. di zucchero a velo per 1 chiara d’uovo.3.JPG
  • Ponete di fronte a voi, su di un cartone rigido, la stella più grande.
  • Pennellate il centro della stella con la glassa dura. Mettete sopra il cerchio più grande. Pennellatelo con la glassa e mettete sopra la stella un po’ più piccola.
  • 4.JPGMettete a portata di mano le glasse, le lenticchie e le palline colorate.
  • Pennellate la punta delle stelle, partendo dal basso, con la glassa morbida.
  • Decorate a piacere con palline e lenticchie colorate.
  • Mettete in centro, sull’ultima stella, la candelina.
  • Unite quel che vi rimane delle 2 glasse e fatele sgocciolare sui lati delle stelle.

4 - Copia.JPG

  • Lasciate asciugare la glassa perfettamente per 4-5 ore.
  • Per trasportare l’albero, avvolgetelo in un foglio di cellofan e legatelo con un nastro.

schema per albero di stelle per Natale
Clicca sull’immagine per vederla ingrandita

Da Regali della mia cucina 1978

 Albero di Stelle
 
Portatovaglioli creativi

Portatovaglioli creativi per la tavola in festa

Un semplice nastro di raso annodato in un fiocco con un gingillo natalizio e il portatovagliolo è pronto!
Il tovagliolo inizialmente si chiamava “truccabocca” ed inizia ad essere utilizzato a tavola nel Rinascimento. Questo accessorio nasce come mezzo di purificazione delle dita sporche di cibo e per pulirsi la bocca prima di bere dal bicchiere comune. I galatei dell’epoca raccomandano di non usare il tovagliolo per pulirsi il viso, i denti o per soffiarsi il naso. Quando le posate sono in cumune tra i commensali, viene anche utilizzato per pulirle prima di porgerle agli altri commensali. Il tovagliolo viene portato sulla spalla o sul braccio sinistro perchè si usa mettere nei piatti comuni la mano destra.
 Portatovaglioli creativi

Portatovagliolo di bacche2 Portatovaglioli di cariciPortatovaglioli con i fiori4 Portatovagliolo edera

 

 

 

 

Portatovagliolo o portacandela?tovagliolo nell'elastico di una mascherinaCon perline colorate preparate degli anelli di giusta misura e in questi mettete il tovagliolo. portatovaglioli per Halloween

.

.

.

 

 Una bella tavola colorata con i nastri dei tuoi pacchi regalo

Un nastro oppure una fettuccia colorata (quelli che chiudono i pacchi regalo) possono trasformarsi in porta tovaglioli per dare un tocco di colore in più alla tua tavola.

  1. Prendi, se ne hai anche di vari colori, pezzi di nastri e tagliali tutti uguali di circa 10-12 cm ciascuno
  2. Avvolgili intorno ai tovaglioli che hai scelto per controllarne la misura.
  3. A questo punto prendi ago e filo, oppure aiutati con una cucitrice, e fissa le 2 parti finali dei nastri realizzando un anello.
  4. Inserisci il tovagliolo nel tuo nuovo portatovaglioli che potrai utilizzarlo anche con un tovagliolo di carta.

Con ritagli di pannolenci o feltro colorati, un po’ di colla e un paio di forbici, ecco una bella Stella di Natale o un simpatico Babbo Natale o un omino di pan di zenzero.

porta tovaglioli  natalizio