Polpettine di cous cous e carne al forno con peperonata

Polpettine di cous cous e carne al forno con peperonata

.

 Ingredienti per 4 persone

Per le polpette
450 gr. di macinato magro, 150 gr. di cous cous, 100 gr. di parmigiano grattugiato, 1 ciuffo di prezzemolo, 4 uova, 3 fette di pancarrè, sale, pepe, latte, 1 bicchiere di acqua per il cous cous.
 
Per la peperonata
4 peperoni lunghi (rossi e gialli), 1 spicchio di aglio, 4 cucchiai di polpa di pomodoro, qualche foglia di basilico, mezza cipolla, olio extra vergine d’oliva, aceto di vino bianco, sale e pepe.

 Preparazione

Preparate le polpette
Ammollate in acqua il cous cous precotto per 5 minuti poi scaldarlo in poco oliio o burro. Ammollate il pane nel latte, strizzatelo bene e mettete in una ciotola (oppure usate pane grattugiato). Unite la mollica di pane, la carne e le uova. Impastate con le mani. Aggiungete il sale, il pepe, il prezzemolo tritato, il formaggio grattugiato ed il cous cous che nel frattempo si sarà gonfiato.

Amalgamate fino ad ottenere un composto morbido. Lasciare riposare.  Disponete le polpette su di una teglia foderata con carta da forno e cuocere in forno a 180 gradi per circa 20 minuti avendo cura di girare le polpette

Preparate la peperonata
Lavate e asciugate i peperoni, tagliateli a metà, eliminate il peduncolo, i semi ed i filamenti bianchi. Riducete i peperoni a listarelle. Fate sfrigolare l’olio extra vergine d’oliva e rosolarvi la mezza cipolla tritata insieme allo spicchio d’aglio schiacciato. Aggiungete i peperoni, il basilico spezzettato, sale e pepe. Rosolate, quindi aggiungere la polpa di pomodoro.

Mescolate. Coprite la casseruola e continuate la cottura a fuoco dolce per circa un’ora, aggiungendo, all’occcorrenza, acqua tiepida q.b. A cottura quasi ultimata aggiungete 2 cucchiai di aceto di vino bianco, mescolate e lasciate evaporare.

Servite calda accompagnando le polpette di cous cous.

Polpettine di cous cous e carne al forno con peperonata  Polpettine di cous cous e carne al forno con peperonata  Polpettine di cous cous e carne al forno con peperonata

Come preparare il cous cous: mettere a bollire l’acqua, saare e, appena raggiunta l’ebollizione, togliere dal fuoco. Aggiuere un cuchiaio d’olio, versare il cous cous e mescolare. Ricordate: acqua e cous devono essere in ugual quantità. Coprire per 5 minuti, poi aggiungere una noce di burro e sgranare con una forchetta.

Leggi anche

Peperonata

Polpettine di cous cous e carne al forno con peperonata
 Di Kobako (Opera propria) [CC BY-SA 3.0 /
Di Giacomo Milano – Flickr, CC BY-SA 2.0
Peperonata alla maniera di Petronilla

Peperonata alla maniera di Petronilla

.
Tanto squisita mi è riuscita ieri la peperonata che ho fatta, quale pietanza, pr la cena…, e tanto i ragazzi ne hanno gustato oggi gli avanzi riscaldati… che se voleste subito imitarmi e approfittare così della mia recentissima esperienza… eccomi qua, pronta a dirvi quanto, per farla, io abbia acquistato, e come il tutto io lo abbia cucinato.
* * *
Ho comperato 1 chilo di pomidoro rossi e grossi; un chilo di peperoni sodi tra verdi, gialli e rossi; 1/2 chilo di patate farinose; 3 carotone; 3 cipollone; e mezzo gambo di sedano con le sue foglie.
Ho sbucciate le patate; ho tolta la leggera pelle alle cipolle; ho leggermente raschiate le carote; ho spaccati i pomidoro e tolti loro i semi; ho fatta ai peperoni la stessa operazione; ed ho poi lavato e risciacquato patate, carote, sedano e peperoni. Poscia ho tagliato a listerelle i peperoni; a fettine le cipolle e le patate; a spicchi I pomidoro; a dadini le carote; a pezzettini il sedano e qualche sua foglia. In un tegame capace, basso ed elegante (in quello ch’è degno di essere portato in tavola) ho fatto intanto soffriggere parecchio burro, e pochetto olio; in questo soffritto ho poi messe le verdure; ho aggiunto un pizzico di sale; ho coperto il tegame col suo coperchio; ho lasciato bollire per mezz’ora a fuoco basso; e non ho mai nemmeno rimescolato.
Poco prima di quella… tale ora fatale sempre attesa con tanta ansia dai ragazzi che sembran sempre tanti affamati… ho scoperchiato il tegame e lasciato bollire a gran fuoco affinché l’acqua evaporasse e le patate, disfacendosi, rendessero ben ristretto quel sugo ch’era troppo abbondante e troppo acquoso. Ho infine portato in tavola, tegame e contenuto; subito dopo che tutto il minestrone (intendo quel tal famoso minestrone alla Milanese del quale già ho parlato) era sparito dalla zuppiera.
* * *
Che tale peperontata sia squisita, ve l’ho detto.
Che sia squisitissima il giorno appresso riscaldata, ve l’ho fatto capire (fatela pertanto, al par di me, sempre abbondante).
Che sia lesta a fare, di poca spesa, e adattatissima, quindi per la stagione delle verdure, l’avrete ormai, e tutte, intuito.Ricette della Petronilla libri
Altre ricette di Petronilla 1937

 Petronilla, chi era?

  • PETRONILLA: svolse un ruolo importante negli anni delle ristrettezze economiche dovute alla guerra. Di fronte alla drastica riduzione dei beni alimentari disponibili, proponeva i suoi suggerimenti «sul modo di sbarcare il lunario mangereccio, consumando poco grasso, poco riso, poca pasta, poca farina e poco zucchero; spendendo pochetto ma….nutrendo bastevolmente»

Peperonata _polpettePeperonata alla maniera di Petronilla

 Di Kobako (Opera propria) [CC BY-SA 3.0 /
Di Giacomo Milano – Flickr, CC BY-SA 2.0