Petto di pollo al latte di cocco

Petto di pollo al latte di cocco

Dopo aver comprato il wok ed averlo stagionato, eccomi alle prese con la prima ricetta preparata con la nuova padella. È una pietanza dai profumi asiatici, facile e veloce da fare.

Ingredienti e dosi per 4 persone

800 gr. di petto di pollo, 4 zucchine, 500 ml di latte di cocco, 2 cucchiai di salsa di soja, 2 cm. di radice di zenzero, 3 cucchiai di curry, 1 spicchio d’aglio, 1 cucchiaino di zucchero di canna, 1 cipollotto, 3 cucchiai di olio evo, un pizzico di sale.

Preparazione

Lavate le zucchine e spuntatele, quindi tagliatele a fettine sottili. Pelate lo zenzero e grattugiatelo. Tritate il cipollotto e il peperoncino  e togliete la buccia all’aglio. Tagliate il petto di pollo a pezzetti.

coconutpollo coccopollo cocco (2).pollo cocco (3)

.

.

.

Nel wok (o in una padella abbastanza fonda) fate soffriggere nell’olio il cipollotto, l’aglio, lo zenzero. Mescolate, quindi aggiungete le zucchine e fate saltare su fiamma alta per 5 minuti. Regolate il sale e aggiungete il latte di cocco. Fate alzare il bollore, poi versate la salsa di soia e aggiungete il cucchiaino di spezie ed i pezzetti di pollo. fate cuocere per 10 minuti circa aggiungendo all’occorrenza un po’ d’acqua.

pollo cocco (4)pollo cocco (5).pollo cocco (6)pollo cocco (7)

.

.

.

Unite lo zucchero di canna, il coriandolo (o il prezzemolo) e mescolate. Tenete sulla fiamma ancora qualche minuto, poi fate riposare un istante e servite. Accompagnate il pollo thai così preparato con riso pilaf.

pollo cocco (6)Petto di pollo al latte di cocco
Tajine di pollo e verdure

Tajine di pollo e verdure

 Risultati immagini per bandiera marocco   Risultati immagini per bandiera tunisia

Come ho detto già nel precedente post, ho acquistato la tajine e, tra le altre cose, il venditore marocchino ha detto che,  prima della primo utilizzo, occorre un trattamento particolare, perchè la terracotta (materiale con cui è fatta) non crepi a contatto con il fuoco.

Ed ora che la pentola ha avuto le dovute attenzioni è pronta per la prima ricetta. Si tratta di un piatto unico marocchino, ricco e speziato che può essere accompagnato da la pita, un pane piatto lievitato a base di farina di grano, oppure da cous cous insaporito da brodo di pollo.

 Ingredienti e dosi per 4 persone

Petto di pollo, 4 patate, 1 melanzana, 2 zucchine,1 cipolla, 2 carote, 1 lt. d’acqua (o brodo di pollo), 2 cucchiai di olio evo, 1 peperoncino (facoltativo), 3 cucchiaini di Ras el hanout¹ (mix di spezie).

 Preparazione
  1. Preparate le verdure: sbucciate le patate e tagliatele a dadini di circa 2 cm.; pelate le carote e tagliatele a julienne; tagliate a dadini anche la melanzana e le zucchine; tagliate a fette sottili la cipolla.
  2. Tagliate a pezzetti il petto di pollo.

NB: Non dimenticate di frapporre una retina spargifiamma tra la tajine ed il fuoco, perchè la pentola potrebbe crepare.

.tajine (2)tajine pollo verduretajine pollo verdure (3)tajine pollo verdure (4)

.

.

.

Versate un filo d’olio nella tajine e coprite con le fettine di cipolla; mettete su fuoco basso per far diventare trasparente la cipolla. Aggiungete i pezzetti di petto di pollo, fateli rosolare e toglieteli. Mettete le patate e le carote, che impiegano più tempo a cuocere delle altre verdure. Versate un bicchiere d’acqua (o brodo di pollo) e cuocete per 10 minuti con il coperchio. Unite, quindi,  le altre verdure (aggiungendo anche qualche pomodorino), il petto di pollo e disponetele il tutto in modo che rimanga sotto il coperchio conico.

tajine pollo verdure (5)tajine pollo verdure (6)tajine pollo verdure (8)tajine pollo verdure (12)

.

.

.

.

Versate un po’ d’acqua (o brodo di pollo), insaporite con le spezie, regolate il sale e fate cuocere con il coperchio per 35-40 minuti, mescolando ogni tanto.

  • Quando mettete il coperchio ruotatelo per cercare la maggiore aderenza al piatto evitando dispersione del vapore.
  • Se non avete la tajine usate una comune pentola di coccio che sia spessa e a bordi bassi.
  • Se  verso  la fine  della  cottura  vedete  che c’è ancora liquido, togliete il coperchio e fate evaporare.
  • Se  verso  la fine della  cottura  vedete che il fondo è troppo asciutto, aggiungete mezzo bicchiere d’acqua (o brodo) alla volta  fino a raggiungere la giusta densità.
  • Potete variare gli ingredienti aggiungendo altri tipi di verdure.

tajine pollo verdure (10)

¹Il Ras el hanout

è una miscela di circa 30 diverse spezie diffusa in tutto il Nordafrica. Può considerarsi il parallelo nordafricano del curry. Ci sono tre tipi di miscele di Ras el hanout: Lamrouzia, L’msagna e Monuza. La formulazione classica comprende: noce moscata, cannella, macis, anice, kurkuma, pepe rosa e bianco, coriandolo, galanga, zenzero, chiodi di garofano, pimento, cardamomo nero, cardamomo verde, boccioli di rosa, lavanda.

tajine Ras el hanout

Menù medievale ai sapori d’ Oriente con pollo al curry e riso pilaf

Petto di pollo allo zenzero

Petto di pollo allo zenzero

 

Ingredienti per 4 persone

400 gr. di petto di pollo, 1 pezzetto di zenzero di 5 cm. circa, 3 cucchiai ( 36 gr.) di shoyu (salsa di soja), 3 cucchiaini (18 gr.) di miele millefiori (io avevo quello di lavanda), 2 spicchi d’aglio, 2 cucchiai di olio di semi di girasole, riso, prezzemolo, scaglie di mandorle (io avevo i semi di lino).

Preparazione

Pulite, pelate e tagliate lo zenzero a fettine sottilissime (o a dadini) e tagliate il petto di pollo a bocconcini.

Preparate la marinata
In una scodella versate la salsa shoju con gli spicchi d’aglio, il miele e lo zenzero. Unite i pezzetti di pollo e mescolate con le mani in modo da massaggiare la carne mentre vengono amalgamati gli ingredienti. Lasciate marinare per almeno 2 ore. Nel frattempo cuocete il riso senza condimenti.

Passato il tempo della marinatura mettete nel wok (se lo avete) l’olio e fate rosolare i pezzetti di pollo, quindi unite tutti gli ingredienti della marinatura, coprite e portate a cottura su fuoco vivace (10 minuti circa).

Mescolate il riso, ben scolato, alle mandorle ed al prezzemolo tritato fine. Servite il pollo allo zenzero ben caldo con il riso.

petto pollo zenzero

Petto di pollo allo zenzero
Pollo alla Garibaldi di Ne

Pollo alla Garibaldina di Ne

Ricette del Risorgimento
L’eroe dei due mondi, Giuseppe Garibaldi, a tavola aveva gusti semplici, amava il pesce appena pescato e cotto alla brace, i fichi col salame, i legumi, le bistecche in ricordo del Sud America. Era astemio, ma si vantava di essere grande intenditore di acque minerali, che sapeva riconoscere al primo assaggio.

.

“La signora Clelia Gonella ha vissuto per lunghi anni con Clelia Garibaldi sia a Caprera, sia a Livorno nella Villa Francesca che detta signora possedeva ad Ardenza e che alla sua morte le ha lasciato in eredità. Durante la sua vita la signora Gonella ha avuto modo di sperimentare tutte le ricette di famiglia, sia quelle più antiche di Garibaldi, sia quelle che la figlia usava tutti i giorni. Ricette di Caprera, ricette della costa ligure da cui provenivano i genitori di Garibaldi, ricette nizzarde e ricette di amici che andavano a trovarli. Parlare proprio di ricette di cucina di Garibaldi sarebbe un po’ fuori luogo, come risulta dal libro “Mio Padre” di Clelia, perché a quei tempi usavano soltanto i prodotti dell’isola e del suo mare. Comunque i piatti preferiti da Garibaldi erano lo stoccafisso, la bouillabaisse, il minestrone alla genovese con il pesto e la pissaladiere, specialità nizzarda e quando raramente c’erano un po’ di soldi, un pezzo di carne magra arrostita sulla brace che Garibaldi chiamava “ciurasco” perché gli ricordava i tempi dell’America. Questa carne veniva messa sulla brace e quando era ben arrostita Garibaldi stesso la toglieva dal fuoco e con un coltellino molto tagliente levava la prima fetta arrostita, poi ributtava la carne sulla brace, tagliava la seconda e così via fino ad esaurimento del pezzo e forse della brace. La prima volta che sono andata a Villa Francesca per incarico dell’Accademia Italiana della Cucina, per intervistare la signora Gonella sono stata accolta con grande emozione dall’inno di Garibaldi cantato da Caruso. Incaricata ora di riunire le ricette e di ordinarle ho pensato che la cosa migliore fosse riunirle a gruppi. Mi è sembrato anche interessante riportare alcune pagine sparse prese dal libro “Mio Padre” di Clelia Garibaldi e così con l’autorizzazione di Clelia Gonella ho fatto.”
Franca Torsellini – Vice delegata della Delegazione di Livorno dell’Accademia Italiana della Cucina

Alcune delle ricette più amate dal generale, patriota, condottiero e scrittore italiano: Trenette al pestostoccafissobouillabaisse e pollo alla Garibaldi.

.

Pollo alla Garibaldi di Ne (Comune di Ne (Provincia di Genova, Regione Liguria)
Ricetta di Placida Signora
.
 Ingredienti  

 1 pollo pulito e tagliato a pezzi piccoli, 150 gr di olivette nere, 2 litri di brodo di carne (anche di dado, basta non sia vegetale), 2 foglie di alloro, 1 rametto di salvia, 1 rametto di rosmarino, 1 pomodoro maturo, 1 bicchiere di vino bianco secco, olio, burro, sale.

Preparazione

In una casseruola mettere burro e olio; farvi soffriggere le olive e l’alloro, sino a quando saranno dorati. Aggiungere i pezzi di pollo, salare e rosolare. Unire il vino bianco, i sapori tritati insieme al pomodoro. Rosolare e mescolare velocemente. Appena il vino sarà evaporato, unire il brodo sino a coprire completamente il pollo: mettere un coperchio e cuocere lentissimamente per due ore circa.

TaccuiniGastrosofici.it

pollo garibaldi ne umido 1

Il pesto alla genovese per condire le Trenette

Stoccafisso alla garibaldina

Bouillabaisse di baccalà

Hunter’s chicken (2).jpg [[File:Hunter’s chicken (2).jpg|Hunter’s_chicken_(2)]]