Pasta fredda con sottoli

… per la pausa pranzo di oggi ecco una bella pasta fredda con sottoli!

.

Un pasta corta, perchè più pratica; una pasta ricca di sapori e di energie per affrontare il pomeriggio lavorativo; una pasta facilissima, invitante e fresca.
Come l’insalata di farro, è un piatto unico che si gusta freddo, quindi perfetto da portare al lavoro in una lunch box e che si presta ad innumerevoli varianti di dosi e di ingredienti, secondo i propri gusti: per esempio invece del tonno potete usare il salmone o la polpa di granchio in scatola e potete non mettere i pomodorini, le olive possono essere nere ecc. ecc.

 Ingredienti per 4 persone

380 gr. di pasta corta (io ho usato le mafalde corte), 100 gr. di tonno sott’olio, 100 gr. di funghetti sott’olio, 50 gr. di olive verdi, 2 cucchiai di olio d’oliva evo, 2 uova sode, 1 limone,  pomodorini,  timo o origano, sale e pepe.

 Preparazione

Mettete sul fuoco abbondante acqua salata, appena bolle gettatevi la pasta, cuocetela appena appena al dente (per la buona riuscita della ricetta à undispensabile); scolateli e passateli sotto il getto dell’acqua fredda per fermare la cottura.  Allargateli sopra un canovaccio e lasciateli asciugare.

pasta freddapasta fredda (2)pasta fredda (3).

Sminuzzate il tonno con la forchetta e metteteloin una grande ciotola, unite le uova tritate grossolanamente, le olive snocciolate (qualcuna intera ed altre tagliate a rondelle), i funghetti sott’olio interi, timo o origano a volontà, sale e pepe.Condite la pasta con questo composto e con olio e succo di limone, mescolate bene e trasferite il tutto nel contenitore (ciotola o lunch box), quindi tenete in frigo per un’ora.

pasta fredda (5)Pasta fredda con sottoli
Conserviamo la verdura Sottoli, Sottaceti e Sottosale

Conserviamo la verdura: Sottoli, Sottaceti e Sottosale

.

Conservare per la stagione invernale i prodotti dell’orto e del frutteto è per molti un’abitutdine che ha le radici in una remota tradizione. Prepariamo qualche vasetto di frutta e di verdura, approfittando della stagione favorevole, da tenere in bella mostra in cucina esibendoli con grande soddisfazione. Per un’ottimo risultato occorre utilizzare frutta e verdura assolutamente fresca. Le verdure, o almeno alcune, possono essere conservate anche sott’olio e sott’aceto. Questi due tipi di conservazione non richiedono sterilizzazione e sono semplici e rapidi da preparare. 

 Conservazione sott’aceto:

L’ aceto che si utilizza dovrebbe essere aceto di alccol a 8°, da preferire a quello di vino che non supera i 7°.Si può preparare un ottimo aceto aromatizzato, mettendo in 1 litro di buon aceto, una manciata di foglie aromatiche secche (prezzemolo, dragoncello, basilico), qualche spicchio d’aglio, 1 o 2 chiodi di garofano e lasciando macerare in vaso chiuso per due mesi. Passato poi al setaccio di crine o filtrato attraverso una graza, l’aceto è pronto per essere utilizzato.Le verdure più adatte a questo tipo di conservazione sono cetriolini, cipolline, funghi, peperoncini.
Si fanno sbianchire in acqua bollente, si lasciano asciugare per una notte stese su un panno di bucato, e si mettono poiu nei vasi, coprendole con l’aceto. i vasi devono avere una chiusura ermetica ed essere a bocca larga (è più facile così mettervi e togliervi le verdure), e occorre aspettare un mese prima di gustarle.

Conservazione sott’olio:

questa preparazione è preceduta da una cottura delle verdure nell’aceto, a seconda dell’indicazione della ricetta.
Scolate dall’aceto, le verdure vengono lasciate ad asciugare all’aria per qualche ora e poi sistemate nei vasi a strati con qualche fogliolina di alloto e grani di pepe e infine si ricoprono con l’olio.
Anche le verdure conservate sott’olio vanno lasciate nel loro bagno non meno di un mese prima di essere consumate.

Oli e aceti

Aceto con timo e santoreggia
Dosi per 4 lt.: 4 lt di aceto di vino bianco, 4 rametti dei timo, 4 rametti di santoreggia.
Lavate rapidamente le erbe sotto acqua corrente e asciugatele con un tovagliolo di carta. Unitele all’aceto e chiudete ermeticamente il bottiglione. Filtrate l’aceto attraverso un tovagliolo e travasatelo in bottiglie da 1 lt. o da ½ lt. Mettete in ogni bottiglia qualche fogliolina fresca di timo e santoreggia e chiudete ermeticamente. Si conserva per 1 anno senza perdere l’aroma.

Olio al basilico
Dosi per 2 lt.: 2 lt. di olio d’oliva extravergine, 30 foglie di basiilico.
Lavate rapidamente le foglie di basilico sotto acqua corrente e asciugatele con un tovagliolo di carta. Unite l’olio e chiudete ermeticamente il bottiglione. Mettetelo in un luogo tiepido per 30 giorni.Filtrate l’olio attraverso un tovagliolo e travasatelo in bottiglie da ½ lt. Mettete nelle bottiglie 2 o 3 foglie fresche di basilico. Chiudete ermeticamente.
Potete preparare nello stesso modo l’olio al rosmarino, alla salvia, al timo e all’origano.

 Conservazione sotto sale:

è questa una preparazione che risale agli antichi Egizi ed ai Cinesi.

 
Leggi anche

Conserviamo la verdura Sottoli, Sottaceti e Sottosale

Conserviamo la verdura: Sottoli, Sottaceti e Sottosale
Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=61688