Bocconcini di Tofu fritto

Bocconcini di Tofu fritto

.

Ingredienti per 700 gr. circa di tofu pressato (circa 4 porzioni):

10 cucchiai di polvere di kudzu¹ (oppure amido di mais o farina integrale), olio di girasole per friggere.

Preparazione

Tagliate il tofu a cubetti e passatelo nella polvere di kudzu (o nell’amido di mais o nella farina). Scaldate l’olio nel wok (o in una padella dai bordi alti). Adagiatevi i cubetti di tofu e friggete finché saranno dorati da tutte le parti. Raccogliete i cubetti dorati con una paletta forata (ragno o ramina) fateli sgocciolare e metteteli su una carta assorbente da cucina.

Servite i bocconcini caldi e accompagnati da una ciotolina, per commensale, con lo shoyu (salsa di soia) e zenzero grattuggiato, daikon², wasabi³ o porri finemente affettati, fettine di limone e un po’ di sale.

  • ¹Il kudzu (Pueraria lobata (Lour.) Merr) è una pianta selvatica rampicante originaria del Giappone. La polvere della radice di kudzu è un amido privo di glutine. Stemperato in acqua è utile per addensare e, in dosi maggiori, per gelificare diverse preparazioni culinarie: zuppe, creme e dolci al cucchiaio. Rende le panatutre dorate e croccanti.
    • Bevanda classica. Si fa sciogliere un cucchiaino di kudzu in una tazza d’acqua fredda, si mescola fino ad ebollizione e quando diventa trasparente, si serve aggiungendo della salsa di soia.
    • Ume-Sho-Kudzu. Si fa sciogliere un cucchiaino di kudzu in una tazza d’acqua a cui si aggiunge una prugna umeboshi, si mescola e si porta ad ebolizione. Al termine si aggiunge salsa di soia e zenzero grattugiato.
    • Budino di mele –kudzu. Si fanno sciogliere due cucchiaini di kudzu in una tazza di succo di mele, si mescola fino ad ebollizione.
  • ²Il daikon è chiamato anche ravanello cinese, ravanello giapponese, o ravanello invernale, è una varietà del ravanello comune originaria dell’Asia orientale. Il daikon crudo può essere servito in insalata, come guarnizione per piatti di sashimi, oppure marinato in aceto.
    • Il daikon grattugiato, conosciuto come daikon oroshi, è popolare come guarnizione per piatti come lo yakizakana o il natto.
    • Il daikon cotto è spesso servito come ingrediente nelle zuppe di miso o in stufati come l’oden.
  • ³La Wasabia japonica, conosciuta comunemente come wasabi, è una pianta di origine giapponese della stessa famiglia del ravanello, del cavolo, del rafano e dela senape. Dal rizoma si ottiene una pasta, di colore verde e dal sapore particolarmente piccante, usata nella cucina giapponese e conosciuta con lo stesso nome della pianta, wasabi.
    La pasta wasabi viene usata per accompagnare pesce crudo e, in particolare, il sushi e il sashimi. Nel sushi ne viene spalmata una piccola quantità tra il pesce e il riso; nel sashimi si scioglie nella salsa di soia, nella quale viene poi intinto il pesce crudo.

Wikipedia

 Bocconcini di Tofu fritto
Scaloppine di tofu con funghi e semi di sesamo e lino

Scaloppine di tofu al naturale con funghi pleurotus e semi di sesamo e di lino

.

Ingredienti per 4 persone

2 panetti di tofu al naturale o alla piastra, 500 g di funghi pleurotus freschi, mezzo bicchiere d’olio, 1 mazzetto di prezzemolo, 1 spicchio d’aglio tritato, vino bianco secco, semi di sesamo, semi di lino, sale e pepe, facoltativa shoyu (salsa di soia).

Preparazione

Pulite i funghi con un panno umido, eliminando i gambi più fibrosi e duri. Mettete l’olio in una padella e fate colorare il  trito d’aglio, aggiungete i funghi spezzettati grossolanamente e fateli insaporire. Versate il vino e fatelo evaporare, quindi incoperchiate e portate a cottura. A questo punto condite con sale e pepe.

tofu (3)tofu (4)tofu (5)tofu.

Asciugate i panetti di tofu tamponandoli con un panno pulito o carta da cucina. Tagliateli a fette orizzontalmente, così da avere delle scaloppine, quindi passatele nei semi di sesamo e di lino premendo un po’. In una padella antiaderente rosolate le scaloppine di tofu da ambo i lati e aggiungete i funghi precedentemente cotti. Insaporite per qualche istante e distribuite sopra il prezzemolo tritato. Se volete potete condire con salsa di soia.

Consigli
  • Prima della cottura, potete marinare il tofu: mettete il tofu tagliato in una soluzione di acqua, aceto di mele e shoyu (salsa di soja), aggiungete foglioline di erbe aromatiche come salvia, rosmarino, timo, origano ecc. Coprite e lasciate riposare almeno 30 minuti, più tempo rimarrà e più sarà insaporito.
  • Scaloppine di tofu con funghi champignon freschi

tofu

Scaloppine di tofu con funghi e semi di sesamo e lino
Scaloppine di tofu con funghi champignon freschi

Scaloppine di tofu con funghi champignon freschi

.

Ingredienti per 4 persone

2 panetti di tofu alle erbe aromatiche o al naturale, 500 g di funghi champignon freschi, 50 gr. di speck, mezzo bicchiere d’olio, 1 mazzetto di prezzemolo, uno spicchio d’aglio, vino bianco secco, farina sale e pepe.

 Preparazione

Con un coltellino pelate via la parte terrosa all’estremità inferiore dei gambi dei funghi, prendendo insieme quanta meno polpa è possibile. Mondate anche le parti sciupate. Lavateli velocemente sotto acqua fredda corrente, strofinandoli con uno spazzolino morbido, Asciugateli immediatamente con cura. In un tegame fate rosolare lo speck tritato, quindi aggiungete i funghi mondati ed affettati, abbassate la fiamma affinchè fuoriesca l’acqua di vegetazione; dopo un paio di minuti alzate il fuoco, unite l’olio, l’aglio ed il prezzemolo tritati, sale, pepe e lasciate cucinare per 10 minuti.

tofutofu pizzaiolafunghi.

Asciugate i panetti di tofu tamponandoli con un panno pulito o carta da cucina. Tagliateli orizzontalmente per avere due simil scaloppine per ogni panetto. Infarinate le fettine e doratele in una padella a parte  facendo attenzione a che non attacchino. Sfumatele col vino e aggiungetele ai funghi. Proseguite  cucinando per altri 15 minuti, quindi servite ben caldo.

 

tofu funghi (2)

Stufato di Tofu con verdure

Stufato di Tofu con verdure

.

Il tōfu (dal cinese pinyin dòufǔ), talvolta definito anche come caglio di semi (di soia), è un alimento diffuso in quasi tutto l’estremo oriente (Cina, Giappone, Corea, Vietnam, Thailandia, Cambogia). Sebbene in occidente sia noto con il suo nome giapponese, ha origini cinesi. Viene ricavato dalla cagliatura del succo estratto dalla soia e dalla successiva pressatura in blocchi, generalmente in forma di parallelepipedo. La fabbricazione del tofu dalla soia è simile a quella del formaggio dal latte. Spesso si confonde il tōfu, nelle sue preparazioni al vapore o fritte, con il glutine di grano o seitan.
Se nella trattazione seguente si incontra la dicitura “latte di soia”, va notato che, da un punto di vista merceologico, tale dicitura non può essere utilizzata nell’etichettatura e nella vendita di prodotti in ambito comunitario: l’Unione europea, infatti, ha proibito la vendita di prodotti di origine vegetali se etichettati con il termine “latte”, essendo la parola “latte” riservata alla vendita di sole bevande ricavate dalle ghiandole mammarie di mammiferi femmina. Wikipedia

.

Ingredienti 

tofu400 gr. di tofu al naturale o alla piastra, qualche pomodorino, 1 zucchina, 1 melanzana, 1 carota, 3 cucchiai di olio evo, sale e pepe.

 Preparazione

Asciugate i panetti di tofu tamponandoli con un panno pulito o carta da cucina; tagliateli a strisce o a cubetti. Pulite e lavate le verdure e tagliatele a dadini (io, però avevo la carota tagliata a julienne).

Mettete le verdure e il tofu a rosolare in padella con l’olio, condite con il sale ed il pepe, quindi versate un po’ d’acqua e coprite. Cuocete per 15-20 minuti, aggiungendo acqua se occorresse.

Varianti

 

  • Prima della cottura, potete marinare il tofu: mettete il tofu tagliato in una soluzione di acqua, aceto di mele e shoyu (salsa di soja), aggiungete foglioline di erbe aromatiche come salvia, rosmarino, timo, origano ecc. Coprite e lasciate riposare almeno 30 minuti, più tempo rimarrà e più sarà insaporito.
  • Potete sostituire l’olio con salsa shoyu (salsa di soja), in questo caso non mettete sale.

tofu verdure

 Stufato di Tofu con verdure
Penne Bio integrali con sugo di tofu alla pizzaiola

Penne Bio integrali con sugo di tofu alla pizzaiola

.

Il tōfu (dal cinese 豆腐, pinyin dòufǔ), talvolta definito anche come caglio di semi (di soia), è un alimento diffuso in quasi tutto l’estremo oriente (Cina, Giappone, Corea, Vietnam, Thailandia, Cambogia). Sebbene in occidente sia noto con il suo nome giapponese, ha origini cinesi. Viene ricavato dalla cagliatura del succo estratto dalla soia e dalla successiva pressatura in blocchi, generalmente in forma di parallelepipedo. La fabbricazione del tofu dalla soia è simile a quella del formaggio dal latte. Spesso si confonde il tōfu, nelle sue preparazioni al vapore o fritte, con il glutine di grano o seitan.

.

Per la serie Ricicliamo gli AVANZI (nonsibuttavianiente), oggi vi propongo questa pasta che ho preparato con la rimanenza del Tofu alla pizzaiola.

 Ingredienti

360 gr. di penne Bio integrali o altra pasta corta, Tofu alla pizzaiola, pecorino grattugiato (facoltativo).

 Preparazione

Dopo aver preparato il tofu come spiegato qui, con le pinze raccogliete le fettine e poi tagliatele a dadini.

tofutofu pennetofu penne (2).

.

.

.

Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e versatela nella padella con il sugo. Fate saltare per farla insaporire quindi, se volete, condite con il pecorino grattugiato.

È ottima anche fredda.

tofu penne (3)Penne Bio integrali con sugo di tofu alla pizzaiola

Tofu alla pizzaiola

Tofu alla pizzaiola

.

 Ingredienti per 4 persone

600 gr. di tofu¹ al naturale o alla piastra, 3 cucchiai di olio evo, 300 gr. di polpa di pomodoro (oppure potete usare lo stesso peso di pelati, che avrete prima ben schiacciati con una forchetta o di pomodori ciliegini, lavati e tagliati in 4 spicchi per il lungo), capperi sotto sale, sale, pepe, 1 spicchio di aglio, 1 cucchiaino di foglioline di timo o di origano, olive nere (facoltativo).

 Preparazione

Asciugate i panetti di tofu tamponandoli con un panno pulito o carta da cucina. Tagliateli orizzontalmente per avere due simil scaloppine per ogni panetto.

Procedete, quindi, come per una normale pizzaiola.
Distribuite l’olio sul fondo di una padella grande e adagiatevi le fettine di tofu. Fatele rosolare da ambo le parti.

  tofutofu pizzaiolatofu pizzaiola (2).

.

.

.
 
Aggiungete i capperi lavati dal sale, versate la polpa di pomodoro, il sale, il pepe, le foglioline di timo o di origano, l’aglio pelato e, se volete, olive nere.
Mettete al fuoco su fiamma vivace e cuocete, girando spesso le fettine di tofu, per 10 minuti circa o fino ad ottenere un sugo ben ridotto.

Ricicliamo gli avanzi:
Nel caso avanzasse del sugo, potete riutilizzarlo per condire una pasta. 

  • ¹Il tōfu (dal cinese 豆腐, pinyin dòufǔ), talvolta definito anche come caglio di semi (di soia), è un alimento diffuso in quasi tutto l’estremo oriente (Cina, Giappone, Corea, Vietnam, Thailandia, Cambogia). Sebbene il suo nome sia giapponese, ha origini cinesi. Viene ricavato dalla cagliatura del succo ricavato dalla soia e dalla successiva pressatura in blocchi, generalmente in forma di parallelepipedo. La fabbricazione del tofu dalla soia è simile a quella del formaggio dal latte. Spesso si confonde il tōfu, nelle sue preparazioni al vapore o fritte, con il glutine di grano o seitan.

tofu pizzaiola (4)

Tofu alla pizzaiola
Homemade burgers con Tofu, Wakame e riso Baldo integrale

Homemade burgers con Tofu, Wakame e riso Baldo integrale

Ingredienti per circa 4-5  burgers

350 gr. tofu Bio al naturale, 25 gr. di alga Wakame, 70 g. di riso Baldo integrale, mezzo cipollotto, 1 carota, un ciuffo di erbe aromatiche (prezzemolo, basilico, rosmarino), un pizzico di zenzero grattugiato, un pizzico di noce moscata in polvere, farina 0, olio di semi di girasole, 5 cucchiai di salsa di soja (shoyu), 3 cucchiai di aceto di riso.

Preparazione

Cuocete il riso secondo le istruzioni sulla confezione e scolatelo. Scolate anche il tofu e mettetelo tra 2 piatti con un peso sopra, perchè perda più liquido; riducetelo, poi, a dadini.

Ammollate l’alga Wakame in acqua fredda e lasciatela reidratare per 15 minuti (la sua massa da secca si espande di circa dieci volte); quindi strizzatela, spezzettatela e mettetela nel bicchiere del mixer con i cubetti di tofu.

Aggiungete le erbe aromatiche e le verdure tritate grossolanamente, 1 cucchiaio di shoyu e frullate per qualche secondo: non occore il sale perchè sarà l’alga a dare la giusta sapidità.

Con le mani umide, raccogliete l’impasto e preparate dei burgers che comporrete con l’apposito strumento o con un tagliapasta, passatele su n un po’ di farinaSpennellate le superfici dei burgers con l’olio di girasole e mettete in forno già caldo a 180 gradi per 10/15 minuti. Mescolate 4 cucchiai di shoyu (salsa di soja) con l’aceto di riso, mettete in una ciotolina e servite come accompagnamento ai burgers.

1024px-Korea-Jeju-Folk_village-02800px-Boiled_wakametofu.

.

..

.

Wakame
  • L’ Undaria pinnatifida (chiamata in giapponese 若布, wakame) è un’alga che è classificata tra le cosiddette “alghe brune”.  In Giappone, la wakame è la terza alga in ordine di popolarità, dopo la nori e la kombu. Fresca scottata è venduta nei mercati con le verdura di terra appena colte, quella che viene esportata normalmente è essiccata. In Occidente, per il sapore leggero, è una delle più gradite
    Vi sono diversi tipi e preparazioni dell’alga wakame:
  • Ita-wakame: sono le tenere fronde di una wakame selezionata, tagliata e seccata in fogli, come la nori; si può tostare e usare per ricoprire palle di riso o tostata e sbriciolata come condimento.
  • Mekabu: è la parte riproduttiva della wakame che si trova alla base della pianta, è ricchissima di minerali; il suo sapore forte salato e la sua consistenza collosa è ideale per stufati di verdure a radice; se viene cotta in liquidi o fritta in immersione, la mekabu si apre in una forma a fiore. Si può anche trovare già sminuzzata e può essere usata in cottura come la kombu.

Per la preparazione di piatti delicati le nervature vanno eliminate e tagliate dopo l’ammollo. Per il suo gusto delicato si combina bene con le verdure di terra ed è buona saltata con le cipolle o cotta e servita con verdure verdi bollite, oppure semplicemente ammollata e servita con del cetriolo, con degli agrumi o una salsa a base di aceto, è ottima e rinfrescante come insalata estiva. Se viene leggermente tostata in forno e poi polverizzata risulta un gustoso condimento ricco di minerali indicato per il riso integrale ed i piatti di cereali. La wakame è anche un ingrediente prezioso per minestre e zuppe di miso. La wakame ha inoltre la proprietà di ammorbidire le fibre degli alimenti con cui viene cotta. Wikipedia

burgers con Tofu, Wakame e riso Baldo integrale
 Homemade burgers con Tofu, Wakame e riso Baldo integrale