Balaleet_2019

Balaleet piatto tradizionale arabo dolce e salato

Cos’è il balaleet?

Il balalit è un piatto tradizionale dolce e salato che costituisce il primo pasto della giornata nei paesi arabi del Golfo Persico, servito soprattutto durante la festa islamica dell’Eid, con ceci bolliti e piselli. Al tramonto, dopo una lunga giornata di digiuno durante il Ramadan, il balaleet è su quasi tutte le tavole degli Emirati

Come fare il balaleet

È un piatto dai sapori contratanti che riflette la miscela di culture del Medio Oriente e dell’Asia Occidentale. Tradizionalmente è preparato con vermicelli addolciti con  cardamomoacqua di rose e zafferano, accompagnato con una sottile frittata di uova e a volte servito con cipolle o patate saltate. L’abbinamento dei dolci con le uova era popolare fin dai primi beduini, e l’aggiunta dei vermicelli arrivò nel Medioevo con i commercianti che introdussero la pasta in Medio Oriente.

Dolci a base di spaghetti vermicelli.

Ricette simili si trovano in India, Pakistan e Iran:

  • Puro khurma, spaghetti con datteri secchi
  • Muzaffar, vermicelli con essenza di pino
  • Faloodeh, gelato con acqua di rose e vermicelli.

Per un brunch mediorientale, il balaleet come dessert dopo una insalata fattoush

balaleet

La ricetta del Balaleet, la tradizionale colazione negli Emirati Arabi Uniti che si consuma caldo o freddo.

  • Tempo di preparazione: 5 minuti
  • Tempo di cottura: 15 minuti

Cucina emiratina, mediorientale,vegetariana. Autore Mike Benayoun

 Ingredienti per 4 persone
  • 2 tazze di vermicelli (spaghetti di grano)
  • 8 cucchiai di burro chiarificato
  • ¾ tazza di zucchero
  • 2 cucchiai di cardamomo macinato
  • 2 pizzichi di zafferano diluito in 2 cucchiai di acqua di rose o acqua
  • 4 uova sbattute
  • Olio vegetale

Attrezzatura

  • Colino
 Preparazione
  1. In una padella scaldate 2 cucchiai di olio e aggiungete metà dei vermicelli crudi. Friggete leggermente i vermicelli finchè diventano dorati, circa 5 minuti. Mescolate continuamente con un cucchiaio di legno, in modo che i vermicelli non brucino.
  2. Aggiungete abbondante acqua per bollire i vermicelli fritti. Quando l’acqua inizia il bollore, aggiungete il resto dei vermicelli crudi e cuocere per soli 3 minuti. Scolate la pasta in uno scolapasta.
  3. Aggiungete nella padella il burro, il cardamomo, lo zucchero e lo zafferano diluito. Mescolate finchè lo zucchero si scioglierà, circa 6-8 minuti.
  4. Nella padella versate  i vermicelli, mescolate e cuocete per altri 2 minuti.
  5. In un’altra padella, scaldate 3 cucchiai di olio vegetale, aggiungete le uova sbattute. Inclinate la padella per spargere le uova. Capovolgete la frittata e cuocete per un altro minuto.
  6. Servite i vermicelli con sopra la frittata.
196flavors.com/united-arab-emirates

File:Balaleet plate, 2018.png

Acqua di rose alimentare e analcolica per dolci, piatti esotici e bevande

Imqaret, dolcetti tradizionali maltesi ripieni di datteri

Menù medievale ai sapori d’ Oriente con pollo al curry e riso pilaf

[[File:Balaleet 2019.jpg|Balaleet_2019]][[File:Balaleet plate, 2018.png|Balaleet_plate,_2018]][[File:Homemade Balaleet, 2023.jpg|Homemade Balaleet, 2023]]
Puttanesca vermicelli cavalcanti

Timpano di Vermicelli di magro e vermicelli con pomidoro. Ricette di Ippolito Cavalcanti, cuoco, 1837

ippolito cavalcanti

Ippolito Cavalcanti duca di Buonvicino (Afragola, 2 settembre 1787 – Napoli, 5 marzo 1859) è stato un cuoco e letterato italiano.
Il suo trattato Cucina teorico-praticapubblicato per la prima volta a Napoli nel 1837 alla quale aggiunge, nella seconda edizione del 1839, l’appendice Cusina casarinola co la lengua napolitana, presenta numerose ricette dell’epoca, provenienti dalle diverse classi sociali. Il libro ebbe, dal 1837 al 1865 nove edizioni, abbastanza diverse fra di loro in quanto venivano continuamente ampliate dall’autore. La Cucina teorico-pratica è un compendio di cucina tradizionale napoletana, alcune delle ricette sono di ispirazione francese, in quanto la cucina d’Oltralpe era all’epoca molto presente sulle mense dell’aristocrazia o dell’alta borghesia, l’appendice ci riporta invece alla cucina casaereccia in uso all’epoca presso il popolo.
Il trattato ed il compendio in lingua napolitana, rivestono una notevole importanza anche dal punto di vista storico, poiché in essi vengono descritte alcune delle ricette più diffuse nella moderna cucina italiana. Vi si trova, ad esempio, la prima descrizione di una pasta (vermicelli) condita con il pomodoro. Molte altre sono le ricette presenti in queste opere, ed in alcune di esse sono chiaramente riconoscibili i tratti di quella che è la moderna cucina napoletana. Wikipedia

“Aulive ‘e chiapparielli” (olive e capperi)

La ricetta mi ricorda quella della Pasta alla puttanesca. Si preparava con un sugo composto da ingredienti quasi sempre presenti in tutte le cucine napoletane e tenuti a portata di mano, senza bisogno di perder tempo per acquistarli; così le donne, che preparavano questo veloce e gustoso sugo, potevano impiegare il tempo risparmiato in attività… più allegre!!!

Cucina teorico-praticacol corrispondente riposto ed apparecchio di pranziIppolito Cavalcanti, duca di Buonvicino.

Capitolo V. – §. III, Dei diversi Timpani¹, e Sartù

Timpano di vermicelli di magro senza pasta.

«Prendi rotoli due di vermicelli², che lesserai, ma che sieno pronti; frattanto terrai apparecchiato tre misurelli d’oglio finissimo, che farai soffriggere con una decina d’alici salse ben pulite, e spinate, e le farai consumare nell’oglio, cotti che saranno i vermicelli, li sgocciolerai benissimo, versandoli in una casseruola grande, anzi se fusse un tegame sarebbe meglio, e sopra ci porrai quell’oglio li rivolterai più volte con del sale, del pepe, e per chi piace ci stà bene ancora un trito di petrosemolo, facendo restare a color di foco il tegame anzidetto, con darci una rivoltata da tanto, in tanto, perchè così li vermicelli s’asciugano, e diventano sciolti, poscia prenderai una casseruola, che ti sembra proporzionata, che ci vadino tutti bene incassati, ci farai una verniciata di strutto e poi una ingranita di pan gratto tal quale come per Sartù di riso, dipoi ci porrai pochi vermicelli, che accomoderai, facendoci un suolo di capperi, olive, alici salse, ci potrai mettere ancora de’ piccoli fonghi, ma cotti; del pesce, ben pulito, e spinato ec., e quindi un altro suolo di vermicelli, e così continuerai; sulla superficie de’ vermicelli ci farai un’altra verniciata di sugna, che parimenti ingranirai con pan gratto, e lo farai cuocere come il Sartù.»

  • ¹Timpano o Timballo: piatto tipico della cucina del Meridione d’Italia che si presenta come una torta
  • ²Con il termine vermicelli si intende in Italia un formato di pasta secca di grano duro, lunga a sezione rotonda con diametro più grande degli spaghetti; viene usato anche diversamente ed è stato adottato in varie lingue, anche se talvolta in queste ultime sta ad indicare preparazioni diverse per forma e composizione. Il termine vermicelli è già presente in alcuni testi ebraici risalenti al secolo XI (vermishelsh) che pare dunque riconducibile ad una origine italiana per il suo significato implicito. Compare successivamente nel Liber de Coquina come uermiculi, ricettario compilato da un ignoto autore di area napoletana tra il XIII ed il XIV secolo.

cavalcanti vermicelli

Timpano di vermicelli con pomidoro cotti crudi.

«Per ogni quarto di vermicelli ci va un rotolo di pomidoro, però debbono essere di quelle tonde e non molto grandi. Prendi la casseruola proporzionata pel numero di coperti, che dovrai servire, farai in essa una verniciata di sugna, dipoi dividerai per mettà li pomidoro, e li porrai nel fondo della casseruola, con la parte umida al disotto, e la pelle al disopra, e sopra di esse ci porrai un altro filo di pomidoro anche divise per mettà, con la differenza, che la parte umida delle seconde resterà alla parte di sopra, e così sarà coverto tutto il fondo della casseruola; ci porrai del sale, del pepe, e sopra di esse adatterai li vermicelli crudi, spezzandoli siccome è la larghezza della casseruola, e ne coprirai li pomidoro; sopra i vermicelli porrai gli altri pomidoro divisi sempre per mettà, che spruzzerai di sale, pepe, e sopra di esse situerai gli altri vermicelli di contraria posizione degli antecedenti, e così praticherai finchè si sarà riempita la casseruola; l’ ultimo suolo delli pomidoro le situerai, con la pelle alla parte di sopra, e per ultimo ci porrai il condimento; sia oglio, sia strutto, sia butiro, sarà sempre pria liquefatto, e quindi lo verserai nella casseruola, che farai cuocere come al timpano. Debbo prevenirti ancora, che se ti piace farlo di magro ci farai de’ tramezzi di alici salse, ed allora ci porrai l’oglio; se vorresti condirlo con butiro, o strutto, potrai farci de’ tramezzi di fettoline di mozzarella; par, che mi sia bastantemente spiegato per questa inetta operazione, e laddove non giunga la mia insinuante spiegazione, supplirà la tua perspicacia.»

Pasta alla puttanesca o Pasta alla bonne femme?

Pasticcio di maccheroni alla maniera di Petronilla (“Al pastiz”)

«Timballo di maccheroni del Gattopardo» di Tomasi di Lampedusa

 – [[File:Putanesca – Flickr – wickenden.jpg|Putanesca_