Pasta ripiena e arrotolata nello “straccio” alla romagnola

.
E’ questo un primo che vi aiuterà a far mangiare gli spinaci anche i vostri bambini. Adatto nelle occasioni più importanti, è un piatto di grande effetto
.
Ingredienti e dosi per 4 persone
Per la pasta
300 gr. di farina 0, 3 uova, 1 pizzico di sale e 1 goccio di olio, 1 telo ben lavato senza ammorbidente e ben risciacquato
Per il ripieno
1,500 kg. di spinaci, 200 gr. di ricotta o mascarpone, 150 gr. di parmigiano grattugiato, un pizzico di noce moscata, sale.
Oppure: 1,500 kg. di spinaci, 400 gr. di funghi freschi già rosolati e tagliati a fettine, regagllie di un pollo tagliate a dadini e già lessate, 70 gr.di prosciutto, abbondante parmigiano grattugiato.Per condire
Ragù di carne o burro fuso con salvia o sugo di pomodoro.
Preparazione

Preparare il ripieno:
Mondate e lavate a lungo gli spinaci: fateli cuocere in una padella nella loro acqua di vegetazione ed insaporiteli per qualche minuto in poco olio. Raffreddate. Strizzate gli spinaci, tritateli finemente e metteteli in una ciotola con la ricotta (o il mascarpone), il formaggio, la noce moscata e mescolate, per amalgamare bene il tutto, con un cucchiaio di legno. Controllate il sale.

Preparare la pasta:
Con la farina e le uova fate una sfoglia piuttosto sottile, cercando di tirarla a forma rettangolare, e non più larga della pentola in cui dovrete cuocerla (se l’avete, una pesciera potrebbe essere l’ideale).

stracciostraccio1straccio2straccio3.

.

.

.

Stendete sulla sfoglia il composto di spinaci lasciando libero un orlo di circa 2 cm. e cospargete abbondantemente di parmigliano grattugiato,

Arrotolate la pasta su se stessa in modo da formare un rotolo  e sigillate le estremità premendo forte. Avvolgete il rotolo in una salvietta (lo straccio) ben lavata senza ammorbidente. Immergetelo nella casseruola con acqua salata in ebollizione. Incoperchiare e lasciate cuocere a fuoco moderato per 15-20 minuti.
Scolatelo bene, toglietelo dal suo involucro e lasciatelo riposare qualche istante. Fatelo, quindi, scivolare su un piatto caldo e affettatelo velocemente.

Già potrebbe essere servito così, condito con il sugo preferito e spolverizzato con parmigiano. Potete, comunque farlo insaporire ulteriormente passandolo al forno: versate nel fondo di una teglia un p’ di sugo (ragù o burro fuso o sugo al pomodoro) e ponetevi le fette. Cospargete con altro sugo e parmigiano. Infornate a 230 gradi per 10 minuti circa.
(Io preparo il rotolo la sera prima e lo inforno prima di servirlo, così ha tutto il tempo per insaporirsi bene).

Vino

Cabernet (Veneto), Cabernet Sauvignon (Veneto, Friuli), Sangiovese di Romagna, Merlot (Friuli).

La Ricetta in dialetto romagnolo

pasta,ripieno,girelle,straccio,primi,rotolo,spinaci,ricotta

Clicca sull’immagine per vederla ingrandita
Rotolo di pasta
Per 6 persone lavate con cura e lessate 2 kg. di spinaci. Scottateli bene, tritateli e ripassateli in tegame con 50 gr. di burro, abbondante parmigiano grattugiato e il sale necessario. Lavate e tagliate a fettine 400 gr. di funghi e cuoceteli in 2 o 3 cucchiai d’olio. A parte lessate intanto le regaglie di 1 pollo e tagliatele a dadini. Tritate anche 70 gr. di prosciutto. Mescolate insieme tutti questi ingredienti e uniteli agli spinaci. Impastate quindi 200 gr. di farina e 2 uova e ricavatene una sfoglia piuttosto sottile di forma rettangolare.
Stendetevi uniformemente l’impasto e arrotolate la pasta su se stessa, formando come un grosso salsicciotto. Avvolgete il rotolo in una salvietta, legatene le due estremità, e fatelo cuocere in acqua bollente per circa 20 minuti. Estraete il rotolo dall’acqua con delicatezza per evitare di romperlo, e tagliatelo a fette dello stesso spessore di un dito. Sistemate le fette in un piatto da forno, conditele con abbondante burro fuso e parmigiano grattugiato e infornate fino al momento di servire. Se preferite potete condire il rotolo con del ragù o anche con salsa di pomodoro.

pasta straccio

Pasta ripiena e arrotolata nello “straccio” alla romagnola
Pasta ripiena e arrotolata nello “straccio” alla romagnolaultima modifica: 2014-02-24T07:45:49+00:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo