4. Portatovaglioli fai-da-te: Il portatovagliolo d’edera

.

Occorrente

90 cm. d’edera, tagliata in tre pezzi; filo metallico verde.

Preparazione

 

  1. I preparativi. Prendete un pezzo d’edera e piegatelo a formare un anello della circonferenza di 20 cm. Fissatele un capo dell’edera al resto dell’anello utilizzando del filo metallico verde.
  2. Il rivestimento dell’anello. Assicurate l’altra estremità all’anello, poi avvolgete i rimanenti pezzi d’edera lungo l’anello, rivestendolo.
  3. Ultimi ritocchi. Quando siete soddisfatti della vostra composizione utilizzate il filo metallico per fissarla. Inserite il tovagliolo nell’anello e sistemate l’edera con eleganza.edera1.JPG

 

Il Portatovagliolo
  • a anello, è il portatovagliolo tradizionale, consiste in un anello di materiale robusto: metallo, legno o plastica, che contiene, arrotolato un solo tovagliolo di tessuto. Nel coperto viene posato a destra del piatto. Serviva per motivi igienici a distinguere i tovaglioli, in modo che non fossero scambiati tra i commensali, e sulla tavola di tutti i giorni, a ritrovare il proprio quando i tovaglioli non venivano cambiati ad ogni pasto, in questo caso avevano un diverso disegno o il nome per riconoscerlo.
  • per tovaglioli di carta, di forme e materiali vari contiene un mazzo di tovaglioli di carta. Di due tipi: formato da due pareti contiene i fogli in posizione verticale o costruito a scatola contiene i fogli impilati. Posto al centro della tavola quando non si posizionano i tovaglioli col coperto e nelle occasioni informali.
  • dispenser, contenitore a forma di scatola che fa uscire un solo tovagliolo di carta per volta. Usato nella grande ristorazione, come mense, bar e fast food.
4 Portatovagliolo edera Idee creative 1982
4. Portatovaglioli fai-da-te: Il portatovagliolo d’ederaultima modifica: 2013-11-13T06:20:00+00:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.