Maestro Martino da Como, Per fare sapor celeste de estate…

Peintnerhof_Heidelbeer_Feige_Zwetschke_Bienenmarmellata

Libro de Arte Coquinaria, 1450-60 Capitolo III

Per far ogni sapore: le MORE

Per fare sapor celeste de estate.
Piglia de li moroni salvatiche che nascono in le fratte,
et un poche de amandole
ben piste, con un pocho di zenzevero.
Et queste cose distemperarai con
agresto¹ et passarale per la stamegnia.

Mescola more di rovo con qualche mandorla ben schiacciata e un pizzico di zenzero. Unisci il tutto a dell’agresto e passa al colino.

  • ¹AGRESTO: conserva acidula a base di mosto (leggi)
  • ²Stamegnia: colino o setaccio fine


Maestro Martino da Como: per sapore celeste d'estate

Per fare sapor de moroni.
Habi dell’amandole monde et piste bene con un pocha di mollicha di pane biancho.
Et piglia li ditti moroni, et macina con diligentia ogni cosa inseme.
Et non gli dare colpo né pistare, per non rompere quelli granelli piccini
che hanno dentro; poi gli mecti de la cannella, del zenzevero
et un pocho di noce moscata. Et ogni cosa passa per la stamegnia.

Schiaccia bene delle mandorle con un po’ di mollica di pane bianco. Aggiungi le more e mescola tutto senza schiacciare per non disfarle. Unisci cannella, zenzero e un po’ di noce moscata. Passa tutto al colino....

Maestro Martino da Como: More         Clicca sulle immagini per vederle ingranditemaestro martino libriMaestro Martino da Como, Per fare sapor celeste de estate

Maestro Martino da Como, Per fare sapor celeste de estate…ultima modifica: 2014-07-19T06:22:00+02:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo