Sarde fritte e marinate

Nella foto: le sarde fritte sono presentate nei “coppetielli” usati a Napoli come contenitori street-food.

.

 
.Sarde fritte e marinate
  Preparazione

 Aprite le sarde per la schiena incidendole con un coltello di taglio fine e levate loro la spina  lasciandole unite per la coda. Dopo aver levata loro la testa e averle infarinate, prendetele a una a una per la coda e buttatele in padella nell’olio a bollore. Raccoglietele con un cucchiaio forato e sgocciolatele bene. Adagiatele su carta assorbente o carta paglia e spolverizzate con sale.

800px-Sardin_from_sardegna_1

Le sarde fritte sono ottime, ma possono anche essere marinate nel seguente modo:

Sistemate le sarde fritte in un contenitore di coccio o di vetro. Scaldate in un tegame aceto bianco qb con aglio tritatoe prezzemolo tritato fine. Versate questa salsa sul pesce e lasciate marinare in luogo fresco (anche il frigo va bene) per 24 ore. Almeno un’ora prima della consumazione adagiatele su un piatto di portata e servite a temperatura ambiente. Così preparate possono essere gustate come antipasto o come secondo.

 Vino

Müller Thurgau Trentino, Trebbiano di Romagna.

Leggi anche
  • Sardelle, sardine, sardoncini al forno
    Attrezzatura
    Coltellino, recipiente da forno a bordi bassi che contenga il pesce in uno strato solo e, possibimente,  possa comparire in tavola.
    Ingredienti per 4 persone
    600 gr. di pesce azzurro di piccola taglia, 3-4 cucchiai di olio evo, pangrattato. [segue]
capanno 4 6 15 (3)

 

Sarde fritte e marinateultima modifica: 2015-08-05T14:07:00+02:00da patiba
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.