Verdure fritte: Zucchini fritti dell'Artusi

I classici. Verdure fritte: Zucchini fritti dell’Artusi

.
188. Zucchini fritti .1

Gli zucchini fritti bene piacciono generalmente a tutti e si prestano a meraviglia per rifiorire o contornare un altro fritto qualunque.
Prendete zucchini di forma allungata della dimensione di un dito e più; lavateli e tagliateli a filetti larghi un centimetro o meno, levate loro una parte del midollo e salateli non troppo.

zucchinezucchini_fritti3zucchini fritti a.

.

.

.

Dopo un’ora o due da questa preparazione scolateli dall’acquosità che hanno gettata e, senza asciugarli punto, buttateli nella farina e da questa nel vagliettino, scuotendoli bene dalla farina superflua; nsubito dopo gettateli in padella ove l’unto, olio o lardo che sia, si trovi in abbondanza e bollente.

zucchini_frittizucchini frittezucchini_fritti11.

.

.

.

Da principio non li toccate per non romperli e solo quando si sono assodati rimuoveteli colla mestola forata e levateli quando cominciano a prendere colore.
Si possono anche cucinare come i carciofi in teglia del n. 246, ma allora bisogna tagliarli a fette rotonde e prepararli come quelli da friggere.

189. Zucchini fritti .2

Questi riusciranno migliori e più appariscenti di quelli della ricetta antecedente. Prendete zucchini grandi e grossi da non potersi abbrancare con una mano.
Sbucciateli per rendere il fritto più bello, apriteli in due parti per il lungo e levate loro il midollo in quella parte che mostrano i semi. Poi tagliateli a strisce lunghe e sottili, larghe un dito buono e poneteli col sale a far l’acqua lasciandoveli per qualche ora. Quando sarete per friggerli prendeteli su con ambedue le mani e stringeteli forte per ispremerne l’acqua che ancora contengono, poi gettateli nella farina sciogliendoli colle dita, indi nel vagliettino e buttateli subito in padella con molto unto.

Vino

Vno rosso novello, servito a temperatura di cantina.

artusi,zucchini,zucchine,fritti,farina,uova,olio,verdureQuesto modo di servire le zucchine può essere una valida alternativa alle patatine fritte. Saranno croccanti se la cottura sarà veloce: quindi molto olio di semi e caldissimo in una padella profonda tipo wok. Immergerle il tempo che occorre per dorare, non di più altrimenti, assorbendo l’olio, si ammorbidiscono. Raccoglierle (possibilmente col “ragno”) e scuotere perchè rilascino più olio possibile. Passarle più volte nella carta assorbente asciutta, meglio se nella carta gialla (carta paglia).

Verdure fritte: Zucchini fritti dell’Artusi
Clicca sull’Immagine per vederla Ingrandita
 “Byron, Soho, London (4262196872)” di Ewan Munro from London, UK – Byron, Soho, LondonUploaded by tm. Con licenza CC BY-SA 2.0 tramite Wikimedia Commons –
Fritto misto di pesce con verdure croccanti

Fritto misto di pesce con verdure croccanti

Ingredienti e dosi

Zucchine, melanzane, patate, cavolfiore, carciofi

  • Per la pastella delle verdure:
    farina 00, acqua frizzante a temperatura ambiente, lievito di birra, sale, olio d’arachidi.

Calamari, gamberetti, totani, pesce di paranza (varietà di pesce di piccolo taglio: merluzzetti, triglie, sogliolette, suace, alici, mazzoni, retunni, vope).

  • Per la pastella del pesce:
    250 gr di farina 00, 20 cl di birra, 2 albumi, 2 uova intere, sale.
Preparazione

 Preparazione delle verdure croccanti

  • Amalgamate la farina, l’ acqua, il sale, il lievito di birra e l’olio per ottenere una pastella liscia e corposa. Lasciate lievitare fino a raddoppiare volume iniziale.
    Tagliate le verdure a fiammifero, immergetele nella pastella e friggetele nell’ olio caldo.

Preparazione del fritto di pesce

Vino

In genere, vini bianchi giovani e frizzanti. L’accostamento più raffinato è quello con spumanti e Champagne.

Hostaria del Castello di Gradara,

http://www.justhotels.it/public/hosteria-del-castello.jpg

Fritto misto di pesce con verdure croccanti
“Fritto misto” di SimonePascuzzi – Opera propria. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons
Una giornata nel capanno da pesca

Una giornata nel capanno da pesca: “us magna cun quel che us ciapa”, si mangia quello che si prende

Pialassa Baiona e Isola degli Spinaroni.
Lungo la via Baiona si trova l’accesso al Capanno Garibaldi. “Dopo la caduta della Repubblica Romana, Giuseppe Garibaldi giunse a [] ”

.

Ê sempre piacevole  trascorrere una giornata, o una serata, nel capanno da pesca (bilancione o padellone) che, per tradizione, è luogo in cui gruppi di amici e nuove conoscenze possono incontrarsi e divertirsi immersi nella natura.

I bilancioni o padelloni sono caratteristici capanni da pesca su palafitte con una grande rete quadra (a bilancia) immersa nell’acqua e che viene sollevata periodicamente per raccogliere il pesce pescato. In Emilia Romagna ed in Veneto si trovano in laguna, alla foce del fiume o nelle valli. In altre regioni del basso Adriatico (Abruzzo, Puglia) e in alcuni punti del basso Tirreno, si trovano lungo le coste e sono chiamati trabucco, trabocco o travocco.

In buona compagnia, il divertimento è assicurato. Scherzando e ridendo si pesca, si cucina immediatamente il pescato freschissimo ed infine.. si mangia e si beve fresco e abbondante vino bianco!

I piatti sono i più vari ed il menù è deciso all’ultimo momento in quanto “us magna cun quel che us ciapa”, si mangia quello che si prende ogni volta che si cala la rete e non si sa mai quali pesciolini rimarranno intrappolati; ecco, allora, si decide per un risotto o una pasta, per la frittura o la grigliata.

Nel capanno dove vado, si possono pescare cefali, anguille, pesci go o ghiozzi, acquadelle, sardoncini e, nel tempo, sono stati diversi i piatt preparati e che ho poi postato qui nel blog.

capanno 4 6 15 (4)    capanno 4 6 15 (5)    capanno 4 6 15 (6)    capanno 4 6 15 (7)

Primi

Secondi

capanno 4 6 15 (3)

 Una giornata nel capanno da pesca
Sarde fritte e marinate

Sarde fritte e marinate

Nella foto: le sarde fritte sono presentate nei “coppetielli” usati a Napoli come contenitori street-food.

.

 
.Sarde fritte e marinate
  Preparazione

 Aprite le sarde per la schiena incidendole con un coltello di taglio fine e levate loro la spina  lasciandole unite per la coda. Dopo aver levata loro la testa e averle infarinate, prendetele a una a una per la coda e buttatele in padella nell’olio a bollore. Raccoglietele con un cucchiaio forato e sgocciolatele bene. Adagiatele su carta assorbente o carta paglia e spolverizzate con sale.

800px-Sardin_from_sardegna_1

Le sarde fritte sono ottime, ma possono anche essere marinate nel seguente modo:

Sistemate le sarde fritte in un contenitore di coccio o di vetro. Scaldate in un tegame aceto bianco qb con aglio tritatoe prezzemolo tritato fine. Versate questa salsa sul pesce e lasciate marinare in luogo fresco (anche il frigo va bene) per 24 ore. Almeno un’ora prima della consumazione adagiatele su un piatto di portata e servite a temperatura ambiente. Così preparate possono essere gustate come antipasto o come secondo.

 Vino

Müller Thurgau Trentino, Trebbiano di Romagna.

Leggi anche
  • Sardelle, sardine, sardoncini al forno
    Attrezzatura
    Coltellino, recipiente da forno a bordi bassi che contenga il pesce in uno strato solo e, possibimente,  possa comparire in tavola.
    Ingredienti per 4 persone
    600 gr. di pesce azzurro di piccola taglia, 3-4 cucchiai di olio evo, pangrattato. [segue]
capanno 4 6 15 (3)

 

Fritto di Acquadelle (o Latterini o Aole)

Fritto di Acquadelle (o Latterini o Aole)

.

La frittura di acquadelle è un tipico antipasto, o secondo, delle regioni Veneto e Romagna. I pesciolini vengono pescati dai Bilancioni o Padelloni che sono caratteristici capanni da pesca su palafitte con una particolare rete quadra¹. Oltre che fritte, le acquadelle sono ottime in graticola e marinate in aceto.

Ingredienti

Acquadelle (o latterini o aole), farina (io ho usato la farina di semola), sale e pepe, olio per friggere (per friggere il pesce si usa generalmente l’olio di semi che è più economico e rende la frittura croccante, ma l’olio d’oliva è superiore sia per quanto riguarda il gusto sia dal punto di vista salute.

Preparazione

Le acquadelle più grandi si possono unire per la coda in gruppi di quattro o cinque (ciupin). Lavate bene i pesciolini in acqua fredda corrente, asciugateli e passateli nella farina: non occorre svuotarli, perchè si mangia tutto!!!

capanno 4 6 15 (4)    capanno 4 6 15 (5)    fritto-acquadelle (2)    fritto-acquadelle

Eliminate la farina in eccesso, quindi immergete le acquadelle in abbondante olio bollente. Friggetele a fuoco vivace. Man mano che la fritturafritto cipolle patatine verrà a galla e sarà ben dorata, raccoglietela con una paletta forata e fatela sgocciolare; per eliminare parte dell’unto, passatela su carta da cucina assorbente.

Per tenere caldo il pesce già fritto, in attesa che siano pronte le riprese successive, potete metterlo nel forno accceso al minimo. Condite con sale e pepe e servite con spicchi di limone

Accompagnate questa deliziosa frittura con anelli di cipolla cruda e patatine fritte

Vino

Trebbiano di Romagna, Tocai di Piave (Veneto), Ischia Bianco Superiore (Campania), Verdicchio dei Castelli di Iesi (Marche), a 10°C

¹I bilancioni o padelloni sono grandi reti quadre immerse nell’acqua che vengono sollevate periodicamente per raccogliere il pesce pescato. In Veneto ed in Emilia Romagna si trovano in laguna, alla foce del fiume o nelle valli. In altre regioni del basso Adriatico (Abruzzo, Puglia) e in alcuni punti del basso tirreno, si trovano lungo le coste e sono chiamati trabucco, trabocco o travocco.
Leggi anche

capanno 4 6 15

Fritto di Acquadelle (o Latterini o Aole)