Pesche ripiene alla maniera di Petronilla

Pesche ripiene per un desinaretto estivo alla maniera di Petronilla

Pesche al forno ai pistacchi servite con gelato al pistacchio

.

I gustosi, svelti, economici desinaretti di Petronilla

«Desinaretto proprio estivo questo, quando cioè nelle ceste degli erbivendoli rosseggiano i pomodori e quando le pesche sono proprio veramente mature e si apriranno facilmente.»

Desinaretti 1944
  • Riso asciutto con pomodori
  • Pomodori arrostiti
  • Pesche ripiene

Pesche ripiene

L’altro dì, per la mia festa, il mio caro maritino mi ha donato un forno, uno di quei piccoli forni trasportabili, così detti “di campagna” e che io desideravo tanto, perché quello ch’è annesso alla mia grande cucina a gas, rendeva poco e consumava assai. – “Vedrai (gli ho detto) quanti buoni piattini ti farò, ora che questo economico forno lo posseggo anch’io!” E subito ieri, appunto, io l’ho… “imprimato” cucinandovi le pesche ripiene, cioè uno di quei piatti alla vecchia, che faceva sempre almeno due volte all’anno la mia mamma, e che ella allora cucinava nel vasto nostro caminone provinciale, in una gran padella con brace sotto, e brace sul coperchio. Non le avete mai mangiate le pesche ripiene? Ebbene, fatele oggi stesso, perché sono proprio squisite. Le avete già fatte e mangiate tante volte? Ebbene, rifatele, che ne vale sempre la pena.
* * *
Io ho comperato dieci pesche belle, grosse e mature; le ho aperte per metà; e ne ho tolti i noccioli e un po’ della polpa che li circondava. Nel mortaio ho poi pestato mezz’etto di mandorle dolci (messe prima nell’acqua calda per toglierne più facilmente la buccia scura), 4 delle 10 mandorle amare delle pesche, 3 amaretti¹  e 3 biscotti savoiardi.

http://www.rigattieranera.it/wp-content/uploads/2010/02/forno-campagna.jpg
Pubblicità tratta da Ricette di Petronilla, 1938

Consigli pratici della Petronilla

¹Amaretti casalinghi

Se volete preparare il dolce in modo perfetto ma non trovate “amaretti”, fabbricatene voi stesse così. Togliete la buccia a 50 gr. di mandorle dolci (anche di albicocche) ed a 25 amare; asciugatele; pestatele nel mortaio con 125 gr. di zucchero; unite un albume e mezzo cucchiaio di zucchero bruciato tenendolo nel cucchiaio, sopra la fiamma; fatene palline; stendetele sulla lastra imburrata; schiacciatele leggermente; infornate in forno non troppo caldo e dopo 10-15 minuti ecco gli amaretti pronti.

Desinaretti 1944
 Pesche ripiene alla maniera di Petronilla

Petronilla, chi era?Petronilla libri

  • PETRONILLA: svolse un ruolo importante negli anni delle ristrettezze economiche dovute alla guerra. Di fronte alla drastica riduzione dei beni alimentari disponibili, proponeva i suoi suggerimenti «sul modo di sbarcare il lunario mangereccio, consumando poco grasso, poco riso, poca pasta, poca farina e poco zucchero; spendendo pochetto ma….nutrendo bastevolmente»
Desinaretto estivo alla maniera di Petronilla Frittatine in brodo, Brodo con tagliolini di crespelle, o Frittatensuppe

Desinaretto estivo alla maniera di Petronilla

I gustosi, svelti, economici desinaretti di Petronilla, 1944

.

«Avrete visto sul banco del pescivendolo delle seppie e volete preparare un pranzetto proprio appetitoso? Ecco come.»

  • Frittatine in brodo
  • Seppie all’agretto
  • Torta di frutta

Seppie all’agretto
Togliete alle seppie il bianco osso, togliete le interiora, gli occhi, la cornea bocca, tagliatele in tante listerele e lavatele a lungo. In un tegame ponete un cucchiaio di olio, un cucchiaino di burro e una cipolla tritata; quando la cipolla sarà rosolata aggiungete le listerelle di seppia, un pizzico di sale, un pizzico di pepe. Lasciate cuocere per 10 minuti. Unite poi un mezzo bicchiere di aceto, due o tre acciughe salate a cui avrete tolto la spina e il sale; un cucchiao di capperi e una manciata di prezzemolo tritato; incoperchiate e lasciate cuocere per 20 mnuti. Infine scoperchiate perchè il sugo si addensi. servite in tavola l’appetitoso piatto caldo.

Frittatine in brodo, Brodo con tagliolini di crespelle¹, o Frittatensuppe
Nella pignatta della minestra giornaliera, con un cucchiaino di burro e un cucchiaio di olio, fate friggere una mezza cipolla; unite due gambi di sedano ben lavati e tagliati fini fini, due carote raspate e tagliate fini. Aggiungete l’acqua necessaria, 2 dadi per brodo, un pizzico di sale.Mentre il brodo bollirà, in una terrinetta rompete 3 uova intere, sbattetele con un cucchiaio di formaggio grattugiato, un cucchiaio di farina bianca, una tazzina di latte, un pizzico di sale e un tantino di spezie.Mettete a fuoco una padellina con un goccetto di olio e fate con un poco del contenuto della terrinetta una frittatina ben cotta dalle due parti, aiutandovi, per rivoltarla, con un piatto. Asciugatele sopra una carta assorbente. Poco prima dell’ora del desinare tagliate le frittatine in listerelle larghe un centimetro e poi per traverso, in modo che siano tutte uguali .Quando il brodo sarà in pieno bollore mettetevi le listerelle, lasciate bollire per qualche minuto e servite dopo aver aggiunto una o due cucchiaiate di formaggio grattugiato.

Petronilla, chi era?

  • PETRONILLA: svolse un ruolo importante negli anni delle ristrettezze economiche dovute alla guerra. Di fronte alla drastica riduzione dei beni alimentari disponibili, proponeva i suoi suggerimenti «sul modo di sbarcare il lunario mangereccio, consumando poco grasso, poco riso, poca pasta, poca farina e poco zucchero; spendendo pochetto ma….nutrendo bastevolmente»

 Austria   Svizzera   Francia   Ungheria   Germania   Italia

¹Il Brodo con tagliolini di crespelle è un piatto tipico dell’area tedesca ed austriaca, ma che si trova anche, con alcune varianti, nelle cucine italiana, svizzera, ungherese e francese. Si tratta di un brodo, tipicamente di carne di manzo (ma in Italia anche di pollo) in cui vengono messe come condimento dei tagliolini ricavati da crespelle arrotolate e tagliate finemente.
Denominazioni alternative e varianti
  • In Germania viene indicata come Flädlesuppe o Flädlessuppe in Svevia e nel Baden-Württemberg, mentre come Pfannkuchensuppe nel resto del paese (dal tedesco, zuppa di crespelle).
  • In Austria ed in Alto Adige viene più comunemente indicata come Frittatensuppe (dal tedesco, zuppa di frittata).
  • In Svizzera viene chiamata Flädlesuppe, tranne nell’area di lingua alemanna, dove diviene Flädlisuppe.
  • In Ungheria viene denominata palacsintatésztaleves.
  • In Francia (e spesso nella cucina internazionale) viene indicata come Consommé Célestine: in questo caso spesso nella crespella sono aggiunte erbe aromatiche. Wikipedia
745px-Frittatensuppe
 Di RobertK (Opera propria) [CC BY-SA 2.5 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], attraverso Wikimedia Commons Desinaretto estivo alla maniera di Petronilla