Galateo di Donna Letizia – Rinfresco e Ricevimento di Matrimonio, dove?

.

Le cerimonie

 Il Matrimonio

RINFRESCO IN CASA, INTIMO
Calcolato per 20 persone, dovrà comprendere:
Salatini e sfogliatine (un chilo); 40 tartine gelatinate al salmone e caviale; 60 piccoli vol-au-vent caldi con rigaglie; pastine mignon (un chilo); torta di nozze.
Per le bevande preparerete champagne , Martini dry e rossi. Bitter e amari: bevande analcoliche; champagne per la torta di nozze (si calcoli una bottiglia per ogni tre persone).
 
RINFRESCO IN CASA, ELEGANTE
Calcolato per 40 persone:
Piccoli “pies” di pasta frolla, caldi, con rigaglie di pollo e funghi (almeno due a testa): vol-au-vent con piselli e salsa besciamella (almeno due a testa); con questi entremets caldi, servirete gli aperitivi. Poi proseguite servendo agli ospiti un consommé caldo o freddo a seconda della stagione. Poi, coppa di scampi all’americana, cui seguirà un piatto misto di galantina di pollo, paté che de foie-gras, arrosto di vitello e roast-beef. Insalate varie. Infine una macedonia-gelato al maraschino e la torta di nozze.
Bevande: qualche aperitivo a scelta, più per gli astemi succo di pomodoro, più analcolico con i pies e i vol-au-vent: vino del Reno o Mosella, 8°. Con la gelatina e l’arrosto: Barolo vecchio a temperatura ambiente. Dalla macedonia in poi, champagne. In ultimo servite dei caffè ristretti e liquori a piacere.
Per un rinfresco di questo genere in casa ci si può rivolgere a ditte specializzati che potranno fornirvi tutto, compreso il personale e, volendo, bicchieri, stoviglie.
 
RICEVIMENTO INTIMO IN UNA PASTICCERIA
In questo caso gli ospiti siedono ai tavolini, e vengono serviti dai camerieri. Anche se non si tratta di un pranzo, ma di un semplice rinfresco, fate in modo che cibarie e vini siano ben assortiti tra loro. Se volete dello champagne, che sia di marca di buona annata: diversamente, optate per l’onesto prosecco o lo spumante italiano, purché ben freddo e servito nei dovuti modi. Con il direttore della pasticceria vi potrete accordare per una cifra, a forfait. Se il ricevimento si svolge in un locale pubblico, anche se la saletta sarà ovviamente riservata, evitate di fare baccano soprattutto di portare con voi bambini, ammessi solo nelle feste in casa. Tanto in casa quanto in un luogo pubblico, tenete sempre di scorta un’ultima portata, se quanto viene servito risulti insufficiente: prendete accordi precisi in questo senso, onde evitare che gli invitati rimangono delusi e inappagati. Lo stesso dicasi per le bottiglie. In genere per le bottiglie, di qualsiasi tipo siano, non si mette limite, ma si calcola poi, in base ai vuoti, il consumo.

RICEVIMENTO ELEGANTE IN UN ALBERGO O RISTORANTE
Per questa seconda soluzione, tenete presente alcuni punti base:

  • Va scelto un ambiente grande e allo stesso tempo accogliente. Che sia ben arredato, con bar sul fondo, e vari tavolini per appoggiare piatti bicchieri e servizi efficienti.
  • Calcolate sempre con abbondanza, tenendo conto che in genere, in un ricevimento di questo tipo (cioè non intimo) è facile che il numero degli ospiti all’ultimo momento aumenti di un buon terzo.
  • Indicate con chiarezza l’indirizzo del locale
  • Cercate un luogo comodo anche per il parcheggio delle macchine, se non volete costringere gli ospiti, in abito da cerimonia, a ricerche affannose nelle vie adiacenti.

QUANDO CI SI ACCOMIATA DA UN RINFRESCO DI NOZZE?
Ci si accomiata 20 minuti circa dopo il caffè. Gli sposi in genere spariscono alla chetichella dopo la consumazione della torta nuziale. È corretto non sottolineare in alcun modo la loro sparizione. Ai matrimoni evitate di parlare di disgrazie, incidenti, ecc.; sietestati invitati a una festa gioiosa, non guastatela. Ricordiamo poi che al matrimonio non si va, se si è in lutto, e soprattutto non ci si va vestiti a lutto.
In ricevimenti del genere le signore lasciano il mantello in guardaroba, ma non si tolgono mai il cappello e se si sfilano i guanti li portano con sé nel salone

 

 

 

Galateo di Donna Letizia – Rinfresco e Ricevimento di Matrimonio, dove?ultima modifica: 2013-04-04T02:27:00+02:00da
Reposta per primo quest’articolo