Confettura di cocomero

Confettura di cocomero

Ingredienti  e dosi

1 Kg. di polpa di cocomero , 200 gr. di zucchero, 1 limone, 1 stecca di cannella o vaniglia (facoltativo), liquore (facoltativo)

Preparazione

Scegliete una anguria ben matura. Pulite il cocomero dai semi e tagliatelo a dadini. Mettete il tutto in un recipiente e aggiungete il succo e la scorza grattugiata del limone con la cannella. Fate macerare per 12 ore mescolando ogni quattro.

Confettura di cocomeroConfettura di cocomero (

.

.

.

.

Frullate e cuocete a fuoco lento per 45 minuti mescolando spesso, finchè avrà raggiunto la giusta consistenza.

Per controllare la consistenza fate la prova piattino: mettete un piatto nel punto più freddo del frigo e quando stimerete che la marmellata è pronta ritirare il piatto dal frigo e mettetevi un po’ di marmellata. Se si stende, continuate la cottura e rimettete il piatto in frigo. Se invece si addensa la marmellata è pronta.

Se decidete di mettere il liquore aggiungetelo a metà cottura e prolungate di qualche minuto, il tempo di cottura.

Appena raffreddata mettete nei barattoli sterilizzati.

La confettura si conserva per un anno.

Confettura di cocomero

.

Marmellata, confettura, gelatina, composta
Il principio delle quattro preparazioni è identico. Il risultato varia, però, leggermente.
  • Marmellata
    si intende una crema cotta di zucchero e agrumi a pezzetti (limone, arancia, mandarino, e più raramente di pompelmo, clementina, cedro e bergamotto).
  • Confettura
    indica la stessa preparazione riferita agli altri tipi di frutta.
  • Gelatina di frutta
    viene prodotta con zucchero e succo della frutta, senza polpa o buccia, ed è maggiormente usata in pasticceria per apricottare i dolci prima di glassarli. Compare anche come ingrediente di creme dolci.
  • Composta di frutta
    si distingue dalla marmellata o dalla confettura per il maggior contenuto di frutta (65%) e conseguentemente il minor quantitativo di zucchero aggiunto.

 Confettura di cocomero

Gelo di melone tipico dolce siciliano al cucchiaio

Il Gelo di melone è un tipico dolce al cucchiaio siciliano

Coppette di gelo di mellone. In superficie si notano il pistacchio tritato e i pezzetti di cioccolato fondente.

In Sicilia, a Palermo in particolare, si usa preparare per Ferragosto il tipico Gelu i muluni, sorta di “gelato” di cocomero decorato con foglie di limone e fiori di gelsomino: è una specie di gelatina molto rinfrescante, ideale nei giorni estivi. L’ingrediente principale è l’anguria e la fuorviante denominazione “gelo di melone” deriva dall’impropria traduzione del termine “muluni” che in siciliano significa appunto “anguria”.

La ricetta in Dialetto siciliano, da Cucina che vai natura che trovi, “Il Vespro” 1978
«Acquistate un cocomero ben maturo di circa 5 chili. Togliete i semi, staccate la polpa rossa e passatela al setaccio. Unite 800 gr. di zucchero e 200 gr. di amido per dolci e fate bollire per 4 o 5 minuti. A frreddo unite 100 gr. di cioccolata, 100 gr. di zucca “candita”, un pugno di pistacchi, il tutto tagliato a piccoli pezzettini e, infine, un po’ di cannella in polvere. Mescolate bene, poi versate il liquido negli appositi stampi che lascerete in frigorifero per qualche ora.»

gelatina,gelato,cioccolato,fondente,pistacchi,palermo

 Ingredienti per circa 6 persone

1 anguria di 5 kg, 7 etti di zucchero semolato, 1 mazzolino di fiori di gelsomino, 3 etti di amido di grano per dolci, 1 etto di granella di cioccolato fondente (per imitare i semi del cocomero), 1 etto di zucca candita, mezzo etto di pistacchi tritati, 1 cucchiaio di cannella in polvere, 1 bacca di vaniglia,

Preparazione

In una ciotolina d’acqua mettete in infusione i fiori di gelsomino e lasciateveli un giorno intero. Passate al setaccio la polpa dell’anguria senza i semi.
Versatevi a pioggia lo zucchero e l’amido (passandoli da un setaccio) e mescolate bene. Versate il succo così ottenuto in una casseruola bassa e larga, assieme all’acqua di gelsomino; mettete al fuoco e lasciatevi il tutto fino a bollore e per qualche minuto ancora, avendo cura di mescolare continuamente con un cucchiaio di legno. Togliete dal fuoco, unite la bacca di vaniglia e mescolate di nuovo, indi lasciate raffreddare.

Quando il tutto sarà tiepido aggiungete i pistacchi sbucciati e tritati, il cioccolato e la zucca a piccoli pezzetti e mescolate ancora.
Versate il composto in uno stampo da budino bagnato con acqua o con olio di mandorle (o in coppette monoporzione) e mettete in freezer per qualche ora (almeno 2). Servite togliendo dai contenitori (come si fa con i budini) spolverizzate di cannella. Decorate con scagliette di cioccolato, pistacchio tritato e i fiori di gelsomino.

 Variante

Moltissime sono i differenti modi di preparazione del composto che, a secondo della zona o delle tradizioni familiari, possono contemplare l’aggiunta di vari ingredienti, tra i quali chiodi di garofano, cannella, fiori di gelsomino e la granella di cioccolato amaro per imitare la presenza dei semi d’anguria.

Gelo di melone tipico dolce siciliano al cucchiaio
Gelo di melone tipico dolce siciliano al cucchiaio
Gelo di mellone: gelatina di anguria con pezzetti di cioccolato e fiori di gelsomino.
Di Dedda71 – Opera propria, CC BY 3.0,
Sorbetti: dolci, freddi, colorati

I Sorbetti: dolci, freddi e colorati

,
Il sorbetto è un dolce freddo al cucchiaio considerato il progenitore del gelato. Talvolta confuso con la granita e con la gramolata, si differenzia da queste per la consistenza più simile al gelato. Solitamente a base di acqua e frutta, talora possono essere presenti anche latte o liquori.
L’origine sembra sia dovuta agli Arabi, ma tracce si possono trovare addirittura nella Cina del VII secolo A.C e gli Antichi Greci lo ritenevano “la Bevanda degli Dei”, ma anche gli antichi Romani lo preparavano molto frequentemente.
Gli Arabi inventarono lo sherbet, bevanda leggermente gelata a base di acqua, frutta e dolcificanti. Fu in Sicilia che gli Arabi impararono ad usare la neve dell’ Etna mista a sale marino come eutettico per mantenere bassa la temperatura del sorbetto durante la sua lavorazione (vista l’assenza di alternativi sistemi frigoriferi).
Si narrra che un pescatore di Aci Trezza, paesino a nord di Catania, realizzò il primo prototipo di gelatiera, proprio sfruttando la capacità di cristallizzazione della miscela sale e neve. Divenne poi famoso un suo nipote, tale Francesco Procopio dei Coltelli, che all’inizio del XVII secolo portò a Parigi l’invenzione dell’avo, dando origine al primo caffè d’Europa (Le Procope) ed all’industria del gelato. A metà del 700 il Sorbetto, arrivò dall’oriente e ben presto cominciò a essere venduto a Napoli e Venezia, per poi arrivare in Sicilia, dove ancora oggi ha una grandissima tradizione. Il nome sorbetto potrebbe essere derivato sia dal latino “sorbitum” (qualcosa da sorbire) sia dalla parola araba “serbhet” (sciroppo).

.

Sorbetto al limone
Sorbetto di fragole
Sorbetto al caffè
Sorbetto al cocomero
Sorbetto al kiwi
Sorbetto all’arancia

è un dessert fresco, dissetante e digestivo. E’ usato come intermezzo tra le portate di carne e pesce.

Cups of strawberry sorbet (8986713337).jpg   Sorbetto di fragole

Per 4 persone: 350 g di fragole, 75 g di zucchero, 1 albume, 1 dl di vino bianco secco
Riunite in una casseruola 1 dl di acqua e lo zucchero; ponete su fiamma dolcissima, mescolando fino a quando lo zucchero si sarà completamente sciolto. Mondate e lavate bene le fragole, scolatele e intingetele per qualche istante nel vino; asciugatele tamponandole con carta assorbente da cucina e tenetene da parte quattro intere per la decorazione. Trasferite le altre nel vaso del mixer e frullatele; incorporate lo sciroppo preparato nel passato di fragole e versate il composto ottenuto nella gelatiera; preparate il sorbetto seguendo le istruzioni.
Trascorso metà del tempo indicato, sbattete leggermente l’albume con una forchetta, aggiungetelo al sorbetto e terminate la preparazione. Distribuite il sorbetto nelle coppette individuali e decorate ogni porzione con una delle fragole intere tenute da parte, affettandola sottilmente nel senso della lunghezza.

Sorbetto al caffè
Per 4 persone: 400 g di zucchero, 250 g di caffè ristretto, 250 ml acqua, 1 albume, panna montata.
Fate bollire per un 1 minuto l’acqua con 350 g di zucchero. Unite il caffè ristretto e mescolate molto bene.Fate raffreddare per qualche ora in frigorifero poi versate il tutto, attraverso un colino, in un contenitore di metallo. Per ultimo unite l’albume montato a neve con lo zucchero rimasto. Mettete in freezer e durante il tempo di congelamento, frullate il composto due o tre volte in modo che rimanga omogeneo. Prima di servirlo, lasciate fuori dal freezer per circa 10 minuti. Servite in bicchieri alti e stretti decorati con panna montata e con polvere di caffè.

Coconut watermelon sorbet (5883601355).jpg    Sorbetto al cocomero
Per 4 persone: 300 g polpa di cocomero, 200 g zucchero, 1/4 l acqua, Succo di 1 limone, 1 albume.
In una casseruola mescolate a fuoco lento acqua e zucchero, finché questo non si sarà sciolto; poi lasciate raffreddare. Frullate la polpa di cocomero con un po’ di sciroppo di zucchero e succo di limone e versate e mettete tutto nel freezer. Dopo un’ora, quando questo composto si sarà un po’ rappreso,unite l’albume montato a neve. Rimettete in freezer per altre due ore.

Dolce - Il sorbetto del kiwi (2871789597).jpg    Sorbetto al kiwi

Per 4 persone: 300 g polpa di kiwi, 200 g zucchero, 1/4 l acqua, Succo di 1 limone, 1 albume-
In una casseruola mescolate a fuoco lento acqua e zucchero, finché questo non si sarà sciolto; poi lasciate raffreddare. Frullate la polpa di kiwi con un po’ di sciroppo di zucchero e succo di limone e versate e mettete tutto nel freezer. Dopo un’ora, quando questo composto si sarà un po’ rappreso, unite l’albume montato a neve.
Rimettete in freezer per altre due ore.

Fresh orange sorbet (3576279394).jpg    Sorbetto all’arancia

220 gr di zucchero, 6 grosse arance, ¼ di lt d’acqua minerale naturale, qualche fogliolina di menta.
Grattugiate la scorza di un’arancia, mettetela in un pentolino con lo zucchero e aggiungete 3 bicchieri d’acqua. Fate sobbollire per 20 minuti lasciate raffreddare, filtrate e conservate la scorza. Versate in una ciotola lo sciroppo, l’acqua minerale naturale e ½ lt di succo d’arancia (la spremuta di 4 arance). Mescolate e ponete in freezer per circa 1 ora finchè il composto inizia a rassodare. Passatelo al frullatore affinché diventi soffice. Aggiungete la scorza conservata e rimettete in freezer per latri 30-40 minuti. Per servire cospargere con poca menta.

  

Sorbetti: dolci, freddi, colorati
 Foto da Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons