Busiate trapanesi integrali al sugo di piselli e salame siciliano di suino nero

Busiate trapanesi integrali Bio al sugo di piselli e salame siciliano di suino nero

.

Ingredienti e dosi per 4 persone

360 gr. di Busiate trapanesi¹ integrali bio.

Per il sugo
400 gr. di piselli sgranati (aggiungete un cucchiaino di zucchero se i piselli non sono dolci), mezza cipolla, 70 gr. di lardo di Colonnata, 100 gr. di salame di suino nero dei Nebrodi², polpa di pomodoro, Pecorino o Ricotta salata grattugiati grosso, pepe, sale. poco olio evo.

Preparazione

Preparate il sugo.
Tagliate a dadini il lardo e fatelo soffriggere in pochissimo olio evo affinchè rilasci il grasso. Unite la cipolla tritata fine e fatela imbiondire, aggiungete i piselli e conditeli con poco sale, pepe e zucchero (se occorre). Tagliate il salame a dadini un po’ grandi, aggiungetelo ai piselli e fate insaporire. Versate la polpa di pomodoro e fate cuocere il sugo a fiamma dolce.

Lessate le Busiate trapanesi n abbondante acqua salata e scolatela al dente (10 minuti circa). Unite la pasta al sugo di piselli e salame e fate saltare perchè si insaporisca bene. Condite con scagliette di formaggio pecorino. Servite e Buon appetito!

Vino

Vini DOC della provincia di Trapani, Alcamo Normanno DOC, Contessa Entellina di Donnafugata DOC.

¹Le busiate sono una pasta fatta in casa tipica siciliana. Vengono attorcigliate ad un ramo di buso (che è il fusto della disa o saracchio), da questo deriva il loro nome. Tradizionalmente venivano consumate condite con salsa di pomodoro fresco, il cosiddetto pizzutello, accompagnata da melanzane o zucchine fritte, o anche da pesce fritto (ritondo, menola, cicerello).

²Il Suino Nero dei Nebrodi (“u Puorcu Niuro”) è una razza autoctona siciliana, antichissima e rustica.

pasta busiate

 Busiate trapanesi integrali al sugo di piselli e salame siciliano di suino nero
Maccheroni con sugo di salame

Maccheroni con sugo di salame

.

Ingredienti per 4 persone

400 gr. di pasta corta (sedanini, elicoidali, maccheroni, mezze maniche, penne) 300 gr. di salame o salsiccia stagionata (io ho utilizzato la salsiccia stagionata aromatizzata al tartufo), 150 gr. di parmigiano grattugiato, 1 patata grande, trito di sedano carota e cipolla, uno spicchio d’aglio, foglie di salvia, mezzo bicchiere di vino rosso, olio evo, sale e pepe.

Preparazione

Pelate la patata, tagliatela a dadini piccoli. Spellate il salame che occorre e tagliatelo a fette, inumidendo la lama del coltello per evitare lo sbriciolamento. In abbondante acqua salata, lessate la pasta al dente.

pasta_salame pasta_salame1 pasta_salame3.

.

.

.

Nel frattempo in una padella capiente, con un poco di olio, rosolate l’aglio con il trito di sedano, carota e cipolla e unite la salvia. Mettete le fette di salame e lasciate rosolare a fuoco medio. Sfumate con il vino. Aggiungete i dadini di patata, mescolate e, se occorre, versate un po’ d’acqua. Cuocete qualche minuto, finchè la patata sarà morbida ma non sfatta. Scolate la pasta e rovesciatela nella padella con il sugo di salame. Mescolate bene.

pasta_salame5pasta_salame4  pasta_salame6.

.

.

.

Cospargete con il formaggio e lasciate su fuoco vivo ancora un poco. Regolate il sale e aggiungete il pepe. Servite e, se volete, spolverate con il parmigiano grattugiato.

  • Il salame tagliato a fette rende il sugo più rustico, ma può essere anche tritato o tagliato a dadini.
  • La pasta corta tipo maccheroni è l’ideale perchè raccoglie meglio i sugo.
Vino

Rosso: Lambrusco secco di Modena, Chianti Toscano, Sangiovese di Romagna

pasta salame (2)_tn

Maccheroni con sugo di salame

Pizza alla diavola

Pizza alla diavola

.

Col nome pizza, praticamente ignoto al di là della cinta urbana napoletana, ancora nel XIX secolo, si indicavano le torte, quasi sempre dolci. Fu solo a partire dagli inizi del XIX secolo che la pizza assunse, sempre a Napoli, la sua attuale connotazione. Il successivo successo planetario della pietanza ha portato, per estensione, a definire nello stesso modo qualsiasi preparazione analoga.

Pizza alla diavola
Ingredienti e dosi 

pizza,diavola,salame,piccante,pepe,sale,farina,fuocoper la pasta

550 grammi di farina di frumento , 30 grammi di lievito di birra fresco, 0lio extraverginedi oliva q.b., sale q.b.

per il condimento
350 grammi di mozzarella, 250 grammi di passata di pomodoro, 100 grammi di salamino piccante, olio extravergine di oliva q.b., 1 manciata di foglie di basilico frescoo origano in polvere, sale q.b.

Preparazione

Preparare l’impasto e metterlo a lievitare. Inizia sciogliendo il lievito di birra in un bicchiere di acqua tiepida, poi aggiungi un pizzico di sale all’acqua; nel frattempo, fai un piccolo vulcano con la farina e poi versa l’acqua con il lievito al centro del vulcano.

Aggiungi un filo d’olio extravergine di oliva e poi inizia ad impastare il tutto: il tuo obiettivo sarà una pasta elastica e soda, della giusta consistenza. Una volta che l’impasto è a posto, fai una piccola palla e lascia riposare per circa 2 ore all’interno di un recipiente sotto un canovaccio tiepido, in un luogo rigorosamente caldo.

Quando l’impasto ha raddoppiato il suo volume, puoi continuare a preparare la tua pizza alla Diavola. Con un mattarello, stendi la pasta fino a farla diventare dello spessore di circa 1 centimetro e mezzo. Poi ungi il fondo della teglia con dell’olio d’oliva, e adagia sopra l’impasto. Da 550 grammi di pasta puoi ricavare circa 4 pizze di media dimensione. Ora è il momento della farcitura: stendi la passata di pomodoro sulla base della pizza, avendo cura di lasciare una crosta di pasta di circa 2 centimetri.

Poi aggiungi la mozzarella tagliata a fettine sottili e ricopri la superficie della pizza. In seguito, taglia a fettine sottili il tuo salamino piccante e distribuiscilo in maniera uniforme sulla mozzarella. Infine, aggiungi un pizzico di sale e un filo d’olio. Inforna la pizza nel forno preriscaldato a 200° per 15-20 minuti circa. A fine cottura, aggiungi le foglie di basilico fresco (o l’origano in polvere) e guarnisci per bene la tua pizza. Ecco fatto!

Leggi anche
  • Calzone
  • Pizza 4 stagioni
  • Pizza Margherita
  • Pizza spianata
  • Pizza tonda
    • Per la pizza tonda l’impasto di farina, acqua, lievito, sale ed eventualmente olio, previamente fatto lievitare in un impasto intero e poi suddiviso in monoporzioni (panetti o panielli), viene steso in forma di disco, variamente condito e cotto a contatto del piano rovente di un forno. È la più conosciuta e consumata nel mondo; viene detta anche pizza classica o pizza napoletana.
    • Tipica in diverse cucine regionali italiane, è divenuta famosa come specialità della cucina napoletana. La città di Napoli ha svolto infatti un ruolo importantissimo nella storia della pizza, creando ed esportando questa specialità che è ora la più diffusa nel mondo (vedi sezione “Dove si mangia la pizza“). Per questo motivo si usa ancora l’espressione “pizza napoletana” come sinonimo di “pizza tonda” anche se le sue caratteristiche sono spesso diverse rispetto a quelle della tradizione partenopea.
    • Soprattutto fuori dall’Italia invece della pasta di pane si usano spesso impasti più grassi e talvolta anche dolci; il condimento è sempre abbondante e varia notevolmente a seconda delle abitudini locali. La stesura dell’impasto in forma di disco può avvenire con l’uso del matterello oppure, preferibilmente come la tradizione vuole, a mano girando e tirando le palline lievitate d’impasto sopra un piano di lavoro o con evoluzioni aeree. Specialisti di quest’ultimo metodo sono i pizzaioli acrobatici.
  • Pizza al taglio
    • Per la pizza al taglio o pizza in teglia la pasta lievitata viene stesa, condita e cotta in grandi teglie di metallo tonde o rettangolari e poi messa in mostra per essere venduta a peso a scelta del cliente o, in casa, consumata a tranci. La vendita di questa varietà di pizza è diffusa oltre che nelle pizzerie al taglio vere e proprie, anche nelle panetterie.
    • Poiché la pizza in teglia deve essere tenuta in mostra ed eventualmente riscaldata necessita dell’utilizzo di impasti molto acquosi che pure in queste condizioni non si secchino ma diano il massimo del gusto. A tal fine vengono usate farine forti e procedimenti di rigenerazione che permettono di aggiungere agli impasti una maggiore percentuale di acqua, fino al 90%. Questo ha anche un vantaggio dal punto di vista economico essendo la pizza venduta in alcuni casi a peso (questo metodo è ad esempio il più diffuso nella città di Roma).
  • Pizza alla pala
    • La pizza alla pala, come la pizza in teglia, è una pizza di grandi dimensioni messa in mostra e venduta a peso ma la sua cottura avviene, analogamente alla pizza tonda, direttamente sul piano del forno.
    • Una delle sue varianti è la pizza al metro.[…]
    Wikipedia