Galateo: Diploma, 18 anni, Laurea

Galateo: Diploma, 18 anni, Laurea

Il Grande libro della casa di Donna Letizia 1967

Le cerimonie

IL DIPLOMA O LA MATURITA’
Non sempre si arriva alla laurea, però si può sempre festeggiare il diploma conseguito o la maturità raggiunta. La festa avrà ovviamente tono minore, e in genere saranno presenti solo i compagni e compagne di scuola, amici e amiche. Quindi né genitori né parenti! E’ invalso anche l’uso, negli ultimi anni, di accordarsi con tutti i compagni di scuola e ritrovarsi in un grande ristorante della città. Le spese del pranzo vengono divise fra i presenti. Per il diploma o maturità conseguiti non si inviano partecipazioni, non si fanno annunci sul giornale né si dà grande pubblicità alla cosa: sarà il promosso a comunicare l’esito felice a parenti o amici intimi. Più spesso però tale compito viene affidato alla madre.

 18 ANNI
La festa dei diciotto anni è una ricorrenza importante: vi sono le grandi feste delle “debuttanti” o “debs” come si dice con un vocabolo che ci giunge dall’Inghilterra. E’ il classico ingresso in società: abito bianco lungo per la ragazza, il primo smoking per i ragazzi. In genere una festa così si svolge in un grande albergo o in un circolo cittadino; se ne impadroniscono i giornali, diventa un vero avvenimento mondano. Se la festa si svolge in casa, il buffet sarà approntato a seconda delle possibilità dei padroni di casa e del loro tenore di vita. Abbiamo assistito a bellissime feste dei dixiotto anni in campagna, con abiti lunghi di cotonina a fiori, risotto e salsicce offerti in piatti rustici, vino versato da botticelle o da fiaschi, tavole di legno rustiche appoggiate su cavalletti. Abbiamo visto anche feste organizzate in casa, con debuttanti vestite da Dior, camerieri in giacca bianca, champagne francese, e orchestra al completo. Ognuno si regola a seconda dei propri mezzi; l’importante à che la festa risulti allegra e brillante, soprattutto “giovane” e che i ragazzi si divertano. E’ di regola che la debuttante festeggiata sia essa sola a indossare un abito bianco.

Regali
Ognuno regalerà quello che può, anche qualcosa di personale. In genere, i genitori regalano alla figlia un braccialetto o un anello. Gli amici potranno regalare dischi, profumi, fiori, dolci, linbri a piacere.

CONFETTI: colore verde

LA LAUREA
La laurea è una tappa importantissima nella vita dei nostri giovani, perchè segna il loro ingresso ufficiale nel mondo del lavoro, ossia della loro autonomia. Ma è anche il coronamento di anni di fatiche e di sacrifici. Non è quindi una ricorrenza da lasciar passare inosservata, e soprattutto senza festeggiamenti. Se la laurea è stata conseguita a pieni voti, può essere partecipata con un’inserzione nel quotidiano locale, consuetudine, questa, abbastanza diffusa ma che noi consideriamo di gusto discutibile. In genere si offre ai parenti, agli amici e ai compagni un rinfresco verso la fine del pomeriggio in un ristorante della città o in un albergo o in una pasticceria.
Si offrono cocktails, salatini vari e volendo champagne o spumante per brindare al festeggiato. Nel Meridione è consuetudine offrire dei confetti colorati. Volendo, il rinfresco può essere organizzato in casa: toccherà al neo-laureato ricevere personalmente gli amici: i genitori faranno bene a presenziare in discreta penombra il ricevimento. Saranno invitati anche professori e docenti con i quali il neo-laureato è in confidenza; a coastoro sarà bene inviare con il dovuto anticipo un invito formale.

Auguri, felicitazioni, regali
Le felicitazioni per la laurea conseguita si inviano a mezzo telegramma o lettera, mai per telefono a meno che si sia di gran confidenza. Quanto ai regali, sono graditi doni a carattere personale (a seconda del grado di intimità), oppure regali che abbiano attinenza con la nuova professione intrapresa: libri, strumenti di precisione, attrezzature varie, servizi da scrittoio, ecc. Per non acquistare doppioni, è consigliabile chiedere preventivamente all’interessato quali sono le sue preferenze, e soprattutto effettuare l’acquisto in un negozio dove eventualmente sia possibile cambiare il dono. Un ottimo sistema è quello di far telefonare dal direttore del negozio, in questi termini: “Il signor Rossi è venuto da noi per acquistare per lei l’enciclopedia della Medicina; prima di inviarle il volume vorremmo sapere se lei è già provvisto dell’opera: in tal caso può venire nella nostra libreria a scegliere un’altra opera a suo piacere”. I parenti, i padrini, gli intimi potranno invece mettere un assegno in una busta e regalarlo al neo-laureato. Una somma di denaro fa sempre comodo a un giovane, ma un dono del genere è ammissibile solo se c’è un certo grado di confidenza.donna letizia libri

da “Il grande libro della casa” 1967 

CONFETTI: colore rosso

Galateo: Diploma, 18 anni, Laurea
biglietti da stampare
Biglietti per la Nascita
Biglietti Auguri  Battesimo
bigliettini da stampare
Bigliettini Prima Comunione
Bigliettini Cresima
bigliettini da stampare
Biglietti Auguri Matrimonio
Biglietto auguri di Nozze
invito compleanno
Invito Compleanno
Biglietto Auguri 18 anni
Confezionare i regali San Valentino: LEI e LUI

Confezionare i regali per San Valentino: per LEI e per LUI

↑Nella foto sopra, tutto è giocato sui toni del bianco e del rosso, ma con un pizzico di nero.

↓Nelle foto sotto, i regali sono avvolti in fascinosi foulard (Furoshiki).

Furoshiki  

Come confezionare regali con foulard (5)Come confezionare regali con foulard

 

 

 

 

.

Come confezionare regali con foulard-regali-

Proposte originali per San Valentino.

Confezionare i regali per LEI

LEI gradirà un regalo avvolto in carta delicatamente fiorita. Rose e fiori antichi infiocchettati da nastri e organza.

Clicca sulle immagini per vederle ingrandite

06-12-2012_16_26_12.JPG
06-12-2012_16_26_22.JPG
06-12-2012_16_26_44.JPG
06-12-2012_16_25_46.JPG
13-02-2013_11_02_31.JPG
20-07-2009_13_26_25.JPG
esa_-_Copia.JPG
f117.JPG
Confezionare i regali per LUI

 Per LUI sono più indicate incarti a tinta unita con materiali ricercati come la carta pergamena o la carta di riso. I fiocchi saranno a colori vivavi ed in contrasto ma tutti rigorosamente di raso.

Come confezionare le bottiglieCome confezionare le bottiglieCome confezionare le bottiglie

 .

 

07-03-2013_09_45_38.JPG
07-03-2013_09_45_49.JPG
07-03-2013_09_45_58.JPG
07-03-2013_15_51_06.JPG
cilindro.JPG
20-07-2009_13_44_51_-_Copia.JPG
3781.JPG
tulipano0.JPG
La festa di San Valentino ricorre annualmente il 14 febbraio ed oggi è conosciuta e festeggiata in tutto il mondo. Tale tradizione fu diffusa dai benedettini, primi custodi della basilica dedicata al Santo in Terni, attraverso i loro monasteri prima in Italia e quindi in Francia ed in Inghilterra Molte tradizioni legate al santo sono riscontrabili nei paesi in cui egli è venerato come patrono. Sono molte le leggende entrate a far parte della cultura popolare, su episodi riguardanti la vita di san Valentino:
  • Una di esse narra che Valentino, graziato ed “affidato” ad una nobile famiglia, compì il miracolo di ridare la vista alla figlia cieca del suo “carceriere”: Valentino, quando stava per essere decapitato, teneramente legato alla giovane, la salutò con un messaggio d’addio che si chiudeva con le parole: «…dal tuo Valentino…».
  • Un’altra, di origine statunitense, narra come un giorno il vescovo, passeggiando, vide due giovani che stavano litigando ed andò loro incontro porgendo una rosa e invitandoli a tenerla unita nelle loro mani: i giovani si allontanarono riconciliati. Un’altra versione di questa storia narra che il santo sia riuscito ad ispirare amore ai due giovani facendo volare intorno a loro numerose coppie di piccioni che si scambiavano dolci gesti d’affetto; da questo episodio si crede possa derivare anche la diffusione dell’espressione piccioncini.
  • Secondo un altro racconto, Valentino, già vescovo di Terni, unì in matrimonio la giovane cristiana Serapia e il centurione romano Sabino: l’unione era ostacolata dai genitori di lei ma, vinta la resistenza di questi, si scoprì che la giovane era gravemente malata. Il centurione chiamò Valentino al capezzale della giovane morente e gli chiese di non essere mai più separato dall’amata: il santo vescovo lo battezzò e quindi lo unì in matrimonio a Serapia, dopo di che morirono entrambi.
“A (136)” di Aysha butti – Opera propria. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons
Confezionare i regali San Valentino: LEI e LUI
Galateo: Ditelo con i fiori Galateo: Quanti e quali fiori regalare?

Galateo: Quanti e quali fiori regalare?

.

Il guinness dei primati racconta di mazzi di rose spedite a dozzine, fasci di gigli e cesti di margherite. Le persone tuttavia dispongono di vasi con capienza normale, evita quindi tutte le esagerazioni.
Quando scegli fiori recisi in composizione valorizza una specie. Per esempio chiedi che sia confezionato un cuscinetto di fiori bassi, dal quale fare uscire 3 fiori a stelo lungo, magari rose.

Se regali delle piante vive,
acquistane una sola grande o tre se di piccole dimensioni, purchè siano contenute in un solo vaso.

Fiori per un uomo
Secondo una tradizione, ormai superata, agli uomini si potrebbero regalare solo ed esclusivamente rose. Ad un uomo i fiori si regalano in numero inferiore rispetto alle donne e, soprattutto, in minori occasioni. Il numero ideale è una sola rosa che deve avere stelo lungo e non essere confezionata in maniera tropapparecchiare-e-decorare-la-tavola-di-san-val-L-B5SMjG - Copia.jpegpo vezzosa. Una stagnola ben fissata all’impugnatura è sufficiente. Evita fiocchi colorati e vistosi, veli e carte ridondanti e scricchiolanti.
l fatto che il destinatario sia un uomo non cambia il significato solitamente attribuito ai colori delle rose:

  • ROSA rappresentano un affetto un po’ generico,
  • ROSSE indicano passione,
  • GIALLE gelosia.

Agli uomini i fiori vanno offerti esclusivamente in situazioni private. Trattandosi di un gesto, tutto sommato, poco consueto, compilo con disinvoltura e senza ombra di ironia, pena una cattiva interpretazione del dono.
Ai molti uomini che nutrono la passione per i fiori e le piante in generale, può essere molto gradito anche un vaso, ossia una pianta viva, che sarà cura del destinatario far crescere nel migliore dei modi. Documentati a proposito dei gusti personali.
A un uomo si addice molto anche il dono di un mazzolino di fiori selvatici, in dimensioni tali da essere appuntato al risvolto della giacca o da tenere tra le dita tenere ta le dita senza ingombro e senza imbarazzo.
Nel corso di una passeggiata in campagna è carino raccogliere qualche fiore spontaneo, da regalare dopo che il mazzolino è stato sigillato con un lungo filo d’erba. In queste condizioni non si raccolgono i papaveri che, molto belli appena raccolti, una volta recisi però perdono immediatamente la freschezza.
Se l’uomo al quale rivolgi il dono, lavora a una scrivania regalagli un vasettino con una pianta grassa. Ricorda che le piante grasse devono essere scelte tra quelle senza spine altrimenti, si dice, portino sfortuna.
Sempre tra le piante da donare in vaso o per essere trapiantate (e in tal caso fatelo solo se sapete dell’effettiva disponibilità di spazio), l’oleandro, soprattutto nelle sue tinte più forti e decise, è l’omaggio ideale per un uomo.
Il mazzo di garofani rossi è di sicuro effetto per una cena in casa o per un omaggio informale.

Un fiore anche per un addio
Se sei delusa e vui troncare con il tuo uomo inviagli l’ibisco (la fuggevolezza delle buone doti) oppure dei giacinti rossi (il dolore). Se è un addio ma ti lascia dei momenti indimenticabili dona un mazzolino di “non-ti-scordar-di-me”, un girasole ben confezionato, delle genziane con qualche foglia di edera o un rametto di pesco.
E per un arrivederci
il fiore ideale è la pervinca.
 
Per una serata con la persona amata
è molto elegante offrire un fiore solo ben confezionato piuttosto che un mazzo troppo impegnativo. Chiedi al fioraio di porre alla base dello stelo la riserva di acqua (un’ampolla di plastica), nascosta dalla stagnola affinchè il fiore non appassisca.
  cuore
Se ceni al ristorante
lascia il dono floreale in automobile.
 
Per una festa
regala un vaso, risparmiando a chi ti accoglie la ricerca del recipiente.
 
A chi compie gli anni
invia tanti fiori quanti sono gli anni, purchè siano al massimo diciotto. Quando sono di più, meglio perdere qualsiasi riferimento numerico e confeziona fiori a numeri dispari al di sotto del diciotto.

Per gli anniversari di matrimonio, di fidanzamento
o qualsiasi altra felice riccorrenza regalane una dozzina per il primo anno. Se ricorrono due anni si regalano 18 fiori. Da tre anni in poi regala tanti fiori quanti sono gli anni festeggiati. Per un onomastico acquista 5 oppure 7 fiori: questi due numeri portano fortuna.
 
Ad una donna molto ambita
regala 7, 12 o 18 fiori. E solo se si tratta del primo dono oppure se la conoscenza è già approfondita.
 
Per una nascita
i fiori vanno regalati in numero dispari inferiore a dieci. Molto diffusa e gradevole è l’idea di regalare a madre e figlio un solo ramoscello di roselline bianche ben ramificato. Il significato si conserva in quel tenero ripartirsi di boccioli.

Per un matrimonio
preferisci bouquet con dei fiori che non deperiscono velocemente. Molto originali sono i bouquet formati da composizioni di frutti, simbolo di fertilità e di prosperità.
 
A una signora che dà un ricevimento o che ti invita per un pranzo,
regala un fior di loto presentato in una bacinella d’acqua. Nel linguaggio universale dei fiori è il segno grazioso dell’ammirazione.
 
Per riconoscere la forza e l’equilibrio raggiunto da una donna matura
regala dei rami fioriti di Calicanto, fiore invernale, che emana un intenso profumo.

Creare donna 1997

Galateo: Ditelo con i fiori Galateo: Quanti e quali fiori regalare?Tanti cuori con amoreConfezionare Fiori e Piante

 

 

 

 

Galateo: Quanti e quali fiori regalare
Confezionare i regali Carta da regalo

Come confezionare i regali: Carta da regalo “fai-da-te”

.

Per avvolgere la vostra torta, o i tanti regalini, potete fare la carta decorata da voi usando delle patate come stampini, oppure il rullo per togliere i pelucchi dagli abiti.

.

Occorrente
  • patata
  • carta bianca o carta da pacchi marrone
  • colori a tempera o a olio
  • coltellino a punta
Preparazione
  • Tagliate una patata cruda a metà. Incidete con un coltellino a punta sulla superficie tagliata un disegno a piacere: stella, cuore ecc.
  • Tagliate via i lati esterni della patata in modo da lasciare in rilievo il disegno.
  • Stendete la carta sul tavolo.
  • Bagnate la patata nel colore scelto e fatela impregnare bene. Premete con forza la patata sulla carta nei punti desiderati.
  • Ripetete più volte l’operazione fino a quando avrete decorato tutto il foglio come desiderate.
  • Fate asciugare perfettamente il colore prima di usare la carta.

Regali dalla mia cucina 1978

Leggi anche
Confezionare i regali Carta da regalo

Per dono (detto anche regalo o presente) si intende il passaggio di proprietà di un bene da un soggetto ad un altro senza una compensazione diretta che deriverebbe dallo scambio commerciale con un altro bene o servizio dotato di valore economicamente valutabile, anche se il dono stesso può comportare un’aspettativa di reciprocità, o un ritorno in termini di prestigio o simili. In molte società umane, il gesto di scambiarsi doni a vicenda contribuisce alla coesione sociale. Per estensione, il termine “dono” si può riferire a qualunque cosa fatta liberamente e spontaneamente, atta a rendere l’altro più felice o meno triste, come ad esempio un favore, un atto di perdono o di gentilezza.

Lo studioso francese Marcel Mauss ha elaborato negli anni 1920 una teoria del dono dal punto di vista antropologico, basandosi sui risultati di famose ricerche etnografiche. Tra gli scritti di Marcel Mauss su “L’Année sociologique” (poi raccolti in volume in Saggio sul dono) ci sono contributi di riflessione sulla cultura, sulla magia dei rituali, del sacrificio e dello scambio dei doni (braccialetti di conchiglie rosse scambiati con braccialetti di conchiglie bianche) tra melanesiani e polinesiani per rafforzare la fiducia dei popoli. Il dono per quanto spontaneo non è libero perché costituisce un’aspettativa della sua restituzione, perché fa parte di un sistema di obblighi e diritti proprio della società in cui si appartiene.

Confezionare i regali: La scatola con gli abeti

Come confezionare i regali: La scatola con gli abeti

.

Fantasie natalizie
Se quest’anno a Natale vi ritrovate con più inventiva che denaro, provate a impacchettare i regali in deliziose confezioni fatte da voi in assoluta economia usando carta da pacchi e ornamenti di fortuna.
Prepararle non è difficile: il segreto sta tutto nell’esecuzione accurata e nella scelta di elementi decorativi azzeccati. La scatola con gli alberi sarebbe altrettanto piacevole con un motivo riproducente Babbo Natale o una stella.
Riducete o ingrandite i disegni per adattarli alle dimensioni dei vostri regali. I modelli possono essere ricalcati diretttamente sulla carta con cui impacchetterete il regalo oppure trasferiti prima su un cartoncino. Quest’ultima è una soluzione particolarmente indicata se desiderate riprodurre più volte il disegno.
Lasciatevi guidare dalla fantasia e create una molteplicità di graziosi pacchi regalo, tenendo presente che le migliori confezioni sono quelle in sintonia con la personalità di chi deve ricevere il dono.

Confezioni scintillanti:

Ravvolti in lucenti colori natalizi, i regali risultano davvero impreziositi. Divertitevi dunque a trasformare banali scatole in confezoni regalo che tutti saranno ansiosi di aprire.

Occorrente
Un foglio di carta metallizzata per fasciare la scatola, 1 cartoncino o della carta bianca per la seconda fasciatura, nastro biadesivo, un paio di forbici seghettate, una taglierina.

Preparazione

  1. Avvolgere la scatola: avvolgete la scatola con carta metallizzata e fissate bene le scatola,abeti,alberelli,carta bianca,tagliare,disegnare,piegare,natale,regalipieghettature.
  2. Preparare il cartoncino: tagliate il foglio di carta bianca da avvolgere intorno alla scatola, lasciando 2,5 cm. di margine per l’incollatura. Con le forbici, seghettate entrambi i lati del foglio facendo in modo che quest’ultimo lasci scoperte di 1 cm. entrambe le estremità della scatola (come mostrato nell’immagine). Avvolgete la carta intorno alla scatola sovrapponendone i lembi alla base e segnate con un leggero tratto di matita gli angoli di piegatura. Premete la carta lungo gli angoli per segnare le piegature.
  3. Sagomare gli alberi: usate il modello per disegnare gli alberelli sul coperchio e sui lati anteriore e posteriore della scatola. Ritagliate completamente gli alberi sui lati, scatola,abeti,alberelli,carta bianca,tagliare,disegnare,piegare,natale,regalilasciando invece attaccati alla base quelli sul coperchio.
  4. Fissare il rivestimento: avvolgete di nuova la carta intorno alla scatola rispettando i segni delle piegature. Sovrapponete la carta sul fondo della scatola e fissate i lembi con nastro biadesivo. Sollevate gli alberi.

Clicca sull’Immagine per vederla IngranditaSchemi natalizi

Confezionare i regali: La scatola con gli abeti
Confezionare regali: Fiocchi Nastri

Come confezionare i regali: Fiocchi e Nastri

.
 Un regalo originale
  • Un foglio di carta colorata, tanti nastri variopinti, un po’ di pazienza e la scatola per magia si trasforma in un fantasioso e originale regalo.
  • Biscotti, dolcetti, una torta, un liquore o uno sciroppo preparati da noi, si trasformeranno in un regalo delizioso se saranno, anche, impacchettati da noi e guarniti da un bel fiocco.
Clicca sull’immagine per vederla ingrandita
regali,fiocchi,nastri,alla francese,semplice,doppio,impacchettare,presentare
20-07-2009_23_40_04.JPG
nastro0.JPG
20-07-2009_23_40_04_-_Copia.JPG
fiocco02.JPG
f117.JPG
fiocco2.JPG
13-02-2013_11_01_54.JPG
 13-02-2013_11_02_31.JPG

07-03-2013_09_45_38.JPG

13-02-2013_11_02_08.JPG
Confezionare regali: Fiocchi Nastri
regali -Wraxall_2011_MMB_62_Christmas
Per dono (detto anche regalo o presente o strenna) si intende il passaggio di proprietà di un bene da un soggetto ad un altro senza una compensazione diretta che deriverebbe dallo scambio commerciale con un altro bene o servizio dotato di valore economicamente valutabile, anche se il dono stesso può comportare un’aspettativa di reciprocità, o un ritorno in termini di prestigio o simili. In molte società umane, il gesto di scambiarsi doni a vicenda contribuisce alla coesione sociale. Per estensione, il termine “dono” si può riferire a qualunque cosa fatta liberamente e spontaneamente, atta a rendere l’altro più felice o meno triste, come ad esempio un favore, un atto di perdono o di gentilezza. wikip
Galateo: Diploma, 18 anni, Laurea

Anche i regali hanno il loro galateo – Donna Letizia

.Omaggio a Donna Letizia

.

Anche i regali hanno il loro galateo

Come comportarsi quando si riceve personalmente un dono
Se vi si consegna un dono, è cortese aprire subito il pacchetto e ringraziare il donatore con entusiasmo, anche se l’oggetto vi è indifferente o non è di vostro gusto. Quando un invitato si presenta con dei fiori e ve li rimette personalmente, in mancanza di personale, pregatelo di scusarvi un momento e andate svelta a metterli nell’acqua. Sarebbe peccato, e anche scortese, abbandonarli su una seggiola. Se si tratta di una scatola di dolci, offritene ai presenti. Se vi viene consegnato un regalo in presenza di altre persone, ringraziate subito, ma in separata sede.

Ciò che si usa e ciò che è bene fare
Una donna non offre fiori ad un uomo (n.d.r. siamo nel 1967!). Né un uoimo a un amico. Alle persone bisognose non si fanno regali utili, ma neppure troppo prosaicamente necessari. Al personale non si danno indumenti usati nelle ricorrenze importanti. Nell’anniversario di matrimonio è consuetudine gentile che i coniugi si scambino regali. Ai degenti in clinica si usa regalare dei fiori, possibilmente senza profumo. Regali graditi, libri e riviste, scelti a seconda del gusto della persona cui sono destinati. Quando si desidera sdebitarsi con un sacerdote, gli si può rimettere un’offerta in una busta chiusa, dicendogli: “Voglia accettare questa modesta offerta per le sue opere”. Gli si può donare un oggetto d’arte, un libro ben rilegato. Se gli si vuole fare un dono per la chiesa, lo si può pregare di provvedere lui stesso all’acquisto facendoci recapitare la fattura.

Ringraziamenti
Si tratti di adulti o di bambini, i ringraziamenti si fanno generalmente per iscritto. Si fanno per telefono se si tratta di amici molto intimi. Quando il dono è consegnato personalmente, bisogna ringraziare prima di slegare il nastro. Per un dono collettivo si ringrazia individualmente ogni donatore. Incontrando per caso una persona che ci ha fatto un regalo e che abbiamo già ringraziato per iscritto, le si rinnovano a viva voce i ringraziamenti.

Tra amici
Raramente una donna fa un regalo a un uomo, a meno che si tratti di un parente prossimo, di un medico, di un sacerdote, di un avvocato. Un giovanotto,, uno scapolo, ricevuto sovente in casa di amici, porterà fiori e dolci. Le persone che accettano inviti senza poterli restituire, si sdebitano con dei fiori, dolci, un soprammobile, dei giocattoli per i bambini. Alla persona di servizio di una casa in cui si è frequentemente invitati, si darà ogni tanto un’adeguata mancia.

Le dediche
Si dedicano libri e fotografie. Dove si mette la dedica:

  • Foto: solo gli autori e gli artisti appongono direttamente la firma sulle foto. Le nostre dediche, destinate agli intimi, si mettonop sul retro della fotografia.
  • Libri: la dedica va scritta su una delle pagine bianche, all’interno del libro.Va scritta pulitamente, senza cancellature, una formula d’amicizia o d’augurio, la firma, la data e basta. Non si fanno dediche sui libri antichi, sulle edizioni numerate, sui messali o libri di chiesa, in genere, soprattutto se si offrono ad un religioso.

Restituzione
A prescindere da ogni amichevole considerazione, la più elementare cortesia vuole che entro un periodo di tempo ragionevole, si restituisca quanto ci è stato prestato, senza aspettare che il proprietario ce lo chieda. Se un oggetto prestato è andato perso, o si è rotto, bisogna preoccuparsi di sostituirlo con uno identico; se invece è insostituibile, si cerca di rimediare con un altro oggetto di valore maggiore. Se l’oggetto è stato danneggiato, bisogna farlo riparare a nostre spese. Chi chiede, deve stare attento alla reazione della persona cui si rivolge: riluttanza ed esitazione devono essere subito interpretate come rifiuti, che occore incassare sportivamente, senza ritenersene offesi.

Chi concede un prestito in denaro, non deve poi abusare della condizione d’inferiorità del debitore, esigendo ogni sorta di piccoli servigi che originerebbero astio e rancore. E chi riceve, non deve alterare il suo comportamento col creditore: se non può restituire la somma ricevuta alla scadenza stabilita, anzichè eludere l’argomento, o sfuggire addirittura l’amico generoso, gli spieghi lealmente le sue ragioni, si scusi, continui a dimostrarsi grato. Salverà la faccia e l’amicizia. I libri vanno restituiti dopo essere stati letti. Tardarne la restituzionene, pone nell’imbarazzo il proprietario che si vede costretto a sollecitarla. Chi desidera ritornare in possesso di un oggetto prestato, dopo un periodo di inutile attesa, può sollecitare la restituzione con un cortese biglietto o a voce.

Anche i regali hanno il loro galateo
 Leggi anche

confezionare i regali di forme diverseConfezionare i regali Carta da regalo regali -Wraxall_2011_MMB_62_ChristmasConfezionare Fiori e Piante

 

 

 

 

 

Confezionare i regali: La scatola con gli abetiConfezionare le bottiglieConfezionare i regali: Il sacchetto di cartaConfezionare i regali per la Festa del Papà

 

 

 

 

Confezionare i regali San Valentino: LEI e LUIregali-scatole Fiorentini, biscotti al cioccolato, miele e frutta seccaPersonalizziamo i barattoli delle marmellate

 

 

 

 

  1. Confezionare i regali per San Valentino, per LUI e per LEI
  2. Come preparare i regali gastronomici da impacchettare
  3. Strenne gastronomiche: Fiorentine, Cioccolatini al miele e frutta
  4. Personalizziamo i barattoli delle marmellate, delle salse e delle conserve fatte in casa
  5. Tanti cuori con amore
  6. Quanti e quali fiori regalare?
  7. Ditelo con i fiori
  8. Nozze d’Argento, Nozze d’Oro e Nozze di Diamante

Tanti cuori con amoreGalateo: Ditelo con i fiori Galateo: Quanti e quali fiori regalare?Torta con i fiori sambucoNozze Argento, Oro e Diamante, seconda parte

 

 

 

 

Quando fare i regali
I regali si fanno nelle ricorrenze tradiziionali, Natale e Pasqua, compleanni, onomastici. I doni vanno generalmente ricambiati, quindi può essere indelicato offrire oggetti di valore tale da mettere in imbarazzo chi non può ricambiare alla pari. I regali fatti in occasione di nozze, battesimi, fidanzamenti, comunioni, per ospitalità ricevuta, per qualche servizio o favore reso, non comportano reciprocità.

Cosa offrire
Se è vero che i regali debbono corrispondere alla personalità del destinatario, tuttavia può essere imprudente regalare un’anticaglia ad un amatore d’arte, o una pipa tirolese a un collezionista di pipe. L’uno e l’altro gradiranno di più un dono che esuli dai loro “hobbies” i quali richiedono esperienza e gusto sicuro. Si possono offrire in dono cesti di frutta, dolci, libri, cose utili, cose inutili, denaro.

  • Denaro Un dono in denaro (meglio se per assegno) si fa solo a un parente più giovane o a un dipendente. Va accompagnato da qualche parola gentile.
  • Dolci Devono provenire da una delle migliori pasticcerie, esigono una confezione accurata e lussuosa. Si offrono di preferenza ai parenti e agli amici intimi, o per sdebitarsi di qualche cortesia, per es. alla segretaria di un amico professionista, alla telefonista o alla commessa di una ditta con cui si hanno rapporti di affari. Non si offrono ai superiori, ai diabetici, alle signore in continua lotta con la linea.
  • Doni collettivi Talvolta, specialmente in occasione di matrimoni, i doni si fanno in comune: qualche amico o i membri di una stessa famiglia si “quotizzano”, il che consente loro di offrire un dono di maggior valore. Può anche trattarsi di una sottoscrizione tra impiegati di una ditta, operai di una fabbrica, alunni di un istituto o colleghi degli sposi.
  • Doni inutili Sempre graditi i doni inutili, purchè rientrino nella categoria degli oggetti superflui e di lusso che non abbiamo il coraggio di acquistare personalmente. Inoltre non impegnano, non costringono chi li riceve a servirsene, e possono eventualmente esser rifilati a qualcun altro.
  • Doni utili Sono da riservare ai parenti più stretti e prima di decidersi nella scelta bisognerà esser sicuri di non sbagliare. Un dono “utile” non azzeccato è mortificante per ambo le parti.
  • Fiori Soccorrono chi non ha molta fantasia nella scelta dei regali, e sono sempre graditi. In occasione di nozze, battesimi, cresime, prime comunioni si inviano bianchi. Alla festa di fidanzamento; fiori vivaci e allegri.

regali -Wraxall_2011_MMB_62_Christmas

Anche i regali hanno il loro galateo
Confezionare i regali: Il sacchetto di carta

Come confezionare i regali: Il sacchetto di carta

Fantasie natalizie

Se quest’anno a Natale vi ritrovate con più inventiva che denaro, provate a impacchettare i regali in deliziose confezioni fatte da voi in assoluta economia. Lasciatevi guidare dalla fantasia e create una molteplicità di graziosi confezioni, tenendo presente che le migliori sono quelle in sintonia con la personalità di chi deve ricevere il dono.

Confezioni scintillanti:
Ravvolti in lucenti colori natalizi, i regali risultano davvero impreziositi. Divertitevi dunque a trasformare semplici sacchetti della spesa in confezoni regalo che tutti saranno ansiosi di aprire.

Occorrente
Un sacchetto di carta metallizzata, vernice dorata o argentata, nastro biadesivo, un foglio di carta bianca per coprire la stella, una taglierina, un tagliere o del cartone.

Preparazione

  1. Ritagliate la stella: Sistemate il tagliere o il cartone all’interno del sacchetto, poi, usando il modello della stella grande e una taglierina, ritagliate la decorazione su un lato del sacchetto. Ornate i bordi con vernice o polverina argentata.
  2. Applicare il cartone: Tagliate un quadrato 15×15 cm. di carta bianca. Applicatelo con nastro biadesivo sul ritaglio a forma di stella all’interno del sacchetto

03-12-2012 15;02;39 - Copia.JPG

Preparare questi sacchetti con la stella non è difficile: il segreto sta nell’esecuzione accurata e nella scelta di elementi decorativi azzeccati. Il sacchetto potrebbe assumere un aspetto ancor più grazioso se dal ritaglio sbucasse un piccolo orsetto o un Babbo Natale.

Riducete o ingrandite i disegni per adattarli alle dimensioni dei vostri regali. I modelli possono essere ricalcati diretttamente sulla carta con cui impacchetterete il regalo oppure trasferiti prima su un cartoncino. Quest’ultima è una soluzione particolarmente indicata se desiderate riprodurre più volte il disegno.

Schemi natalizi

come confezionare,regali,sacchetto,stella,taglierino,natale,cartaClicca sull’Immagine per vederla Ingranditacome confezionare,regali,sacchetto,stella,taglierino,natale,carta

 Confezionare i regali: Il sacchetto di carta
Confezionare i regali per la Festa del Papà

Confezionare i regali per la Festa del Papà

.

Al papà un regalo serio ed importante, avvolto in carta seria ed importante,… ma addolcito con un fiocco allegro per un papà spensierato.

Clicca sull’immagine per vederla ingranditi
3781.JPG
07-03-2013_09_45_58.JPG
07-03-2013_09_45_49.JPG
13-02-2013_11_02_08.JPG
bottiglie regali Geschenk_Weinflasche
20-07-2009_13_26_25.JPG
20-07-2009_13_28_20_-_Copia.JPG
20-07-2009_13_44_51_-_Copia.JPG
cilindro.JPG
20-07-2009_23_40_04.JPG
07-03-2013_15_51_06.JPG
tulipano0.JPG
 REGALI
bottiglie regali Geschenk_Weinflasche
La festa del papà (o festa del babbo) è una ricorrenza civile diffusa in tutto il mondo. In molti Paesi la ricorrenza è fissata per la terza domenica di giugno come negli Stati Uniti, ma volendo si può festeggiare anche l’ultima domenica di luglio. In molti Paesi di tradizione religiosa cattolica la festa è invece celebrata il 19 marzo, giorno associato dalla Chiesa a san Giuseppe padre putativo di Gesù Cristo.
La festa del papà, come la intendiamo oggi, nasce nei primi decenni del XX secolo, complementare alla festa della mamma per festeggiare la paternità e i padri in generale. La festa è celebrata in varie date in tutto il mondo, spesso è accompagnata dalla consegna di un regalo al proprio padre.
La prima volta documentata in cui fu festeggiata sembrerebbe essere il 5 luglio 1908 a Fairmont (Virginia Occidentale) |Fairmont]] in Virginia Occidentale, presso la chiesa metodista locale.Fu la signora Sonora Smart Dodd la prima persona a sollecitare l’ufficializzazione della festa; senza essere a conoscenza dei festeggiamenti di Fairmont, ispirata dal sermone ascoltato in chiesa durante la festa della mamma del 1909, Lei organizzò la festa per la prima volta il 19 giugno del 1910 a Spokane (Washington). La festa fu organizzata proprio nel mese di giugno perché in tale mese cadeva il compleanno del padre della signora Dodd, veterano della guerra di secessione americana. […]