zucca egiziana apicio Aliter_Ius_in_Avibus_(Poultry_with_Hazelnuts_Sauce),_Apicius,_De_Re_Coquinaria_6,5,2_&_Cucurbitas_more_Alexandrino_(Alexandrine_Squash),_Apicius,_De_Re_Coquinaria_3,4,3_(23852992435)

Cucurbitas more Alexandrino, Zucca all’egiziana con frutta secca – Apicius, De Re Coquinaria.

Aliter Ius in Avibus (Pollame con Salsa di mandorleApicius, De Re Quinaria e Cucurbitas more Alexandrian (zucca) Apicius, De Re Quinaria

.

La zucca del genere “cucurbita” (quella arancione) è stata importata in Europa nel XVI secolo dai coloni spagnoli dall’America, dove era già coltivata nel Nord America, in Messico nord-orientale e Stati Uniti meridionali, pertanto in Europa era presente la zucca del genere “lagenaria” e la specie Lagenaria siceraria fu utilizzata già dagli egizi, dai greci, dagli etruschi e dai romani. Dioscoride e Plinio definirono la zucca “refrigerio della vita umana, balsamo dei guai”. Wikipedia

.

Marcus Gavius Apiciius
De re coquinaria
Liber III – Cepuros
IV. Cucurbitas 4.3.3

zucca apicio egiziana

Cucurbitas more Alexandrino, Apicius, De Re Coquinaria

Foto e ricetta by Carole Raddato from FRANKFURT, Germany. Wikimedia Commons pompeii.org.uk

.

 Ingredienti:
  • 1 zucca (o zucchina, zucca piccola)
  • grani di pepe
  • cumino
  • semi di coriandolo
  • 3-4 foglie di menta, tritate
  • 1 aglio
  • 3 cucchiai di aceto
  • 50 g di datteri tritati finemente
  • 50 g di mandorle pelate, tritate finemente
  • 2 cucchiai di miele chiaro
  • 60 ml di garum o liquamen (in questo caso brodo vegetale)
  • 4 cucchiai di Defrutum (o Vino o Succo d’uva ridotto di due terzi)
  • 20 ml di olio d’oliva (o 25 g di burro)
  • Sale marino q.b.
zucca, pepe, cumino, coriandolo, menta , 1 aglio, aceto, datteri, mandorle pelate, miele chiaro, garum-liquamen, Defritum (Succo d'uva), olio d'oliva, Sale marino

zucca, pepe, cumino, coriandolo, menta , 1 aglio, aceto, datteri, mandorle pelate, miele chiaro, garum-liquamen, Defritum (Succo d’uva), olio d’oliva, Sale marino

Istruzioni:

Tagliare la zucca (o la zucchina) a pezzetti. Metterli in una vaporiera e cuocere fino a cottura. Mettete la carne cotta in un sacchetto di mussola o in un canovaccio e strizzate l’acqua in eccesso. Trasferire la polpa rimanente in una casseruola.

Mentre la zucca cuoce, mettete le spezie essiccate in un pestello e un mortaio e tritate. Successivamente aggiungere la menta e l’aglio, macinando fino ad ottenere una pasta liscia. Toglietelo dal mortaio e aggiungetelo alla zucca cotta.

Aggiungere poi i datteri, le mandorle e tutti gli ingredienti liquidi, compreso il miele. Infine aggiungete l’olio (o il burro) e amalgamate con la zucca. Rimettete il composto ottenuto sul fuoco e lasciate cuocere a fuoco lento per qualche minuto affinché i sapori si amalgamino.

Servire subito cosparso di sale e pepe nero.

pompeii.org.uk

apicio zucca pollo antica roma ricette

1 zucca Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23572880290).jpg[[File:Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23572880290).jpg|Cucurbitas_more_Alexandrino_(Alexandrine_Squash),_Apicius,_De_Re_Coquinaria_3,4,3_(23572880290)]]
2 Ingredienti Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23825118696).jpg[[File:Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23825118696).jpg|Cucurbitas_more_Alexandrino_(Alexandrine_Squash),_Apicius,_De_Re_Coquinaria_3,4,3_(23825118696)]]
3  presentazione Aliter Ius in Avibus (Poultry with Hazelnuts Sauce), Apicius, De Re Coquinaria 6,5,2 & Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23826940766).jpg[[File:Aliter Ius in Avibus (Poultry with Hazelnuts Sauce), Apicius, De Re Coquinaria 6,5,2 & Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3
4 Aliter Ius in Avibus (Poultry with Hazelnuts Sauce), Apicius, De Re Coquinaria 6,5,2 & Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23852992435).jpg
[[File:Aliter Ius in Avibus (Poultry with Hazelnuts Sauce), Apicius, De Re Coquinaria 6,5,2 & Cucurbitas more Alexandrino (Alexandrine Squash), Apicius, De Re Coquinaria 3,4,3 (23852992435).jpg|Aliter_Ius_in_Avibus_(Poultry_with_Hazelnuts_Sauce),_Apicius,_De_Re_Coquinaria_6,5,2_&_Cucurbitas_more_Alexandrino_(Alexandrine_Squash),_Apicius,_De_Re_Coquinaria_3,4,3_(23852992435)]]
tonno rutabaga rape barbabietola rossa

Radici piccole in stufato ordinario e Salsa eccellente per mostarda. Ricetta del 1901

Tonno con barbabietola rossa bollita e casseruola di Rutabaga (navone, rapa svedese, brassica)

Economia domestica

 Navóne (Rutabaga, rapa svedese, brassica) in stufato e salsa per mostarda

  • Radici piccole in stufato ordinario. Preparate delle piccole radici, carote, navoni¹, erbe fini, e date alle medesime quella forma che più vi piace, fatele friggere un poco nel burro, ritiratele e fatele rosolare bagnandole con brodo e sugo, fatele cuocere, sgrassate la salsa e legatela con un poco di botirro ed un po’ di zuccaro. cavolo navone
  • Salsa eccellente per mostarda Una bottiglia vino malaga, 2 litri siroppo a 30°.Aggiungere senape nostrale 250 gr. e agitare il miscuglio.

¹Navóne s. m. [der. del lat. napus, che aveva lo stesso sign.]. – (Rutabaga, rapa svedese, brassica) Erba delle crocifere (Brassica napus, cv. napobrassica), con radice carnosa e allungata, di aspetto simile alle rape, di color bianco, rosso o giallo, coltivata per foraggio e anche per l’alimentazione dell’uomo.

File:-2020-10-27 A growing Swede beet (Brassica napus subsp. Rapifera), Trimingham.JPG
-2020-10-27 A growing Swede beet (Brassica napus subsp. Rapifera), Trimingham.JPG
[[File:-2020-10-27 A growing Swede beet (Brassica napus subsp. Rapifera), Trimingham.JPG|-2020-10-27_A_growing_Swede_beet_(Brassica_napus_subsp._Rapifera),_Trimingham]]
storione sainte menehould

Storione in salsa Saint-Ménèould (Sainte-Menehould). Ricetta del 1901

Economia domestica

Storione alla Saint-Ménèould

Preparate una *Saint-Ménèould* come d’ordinario, conditela con sale, pepe, vino bianco, lauro fette di lardo, collocate poscia le fette di storione e fatele cuocere a fuoco lento in una piccola marmitta ben chiusa. Quando sono cotte sgrassate e servitele in tavola calde.

storione sainte menehould (3)

Salsa Saint- Ménéould

Si adatta ad avanzi impanati, o fritti con una crosta di impanatura, o cotti in graticola, come cotolette di vitello, piedi di maiale, ecc. Mettete in casseruola del brodo buono o, in caso, ben aiutato con estratto di carne od altro, con un bel pezzo di burro impastato nella farina, sale e pepe, circa tre rossi di uovo, tre o quattro scalogni triti, e legate il tutto sul fuoco, tacendo la salsa densa. Stendete questa salsa sugli avanzi di carne o di pesce che furono cotti con impanatura, che si scaldano bene in tegame, bagnandoli con burro od olio per farli dorare al forno di campagna.

storione sainte menehould (2)

salsa crema cipolle rosse_tn - Copia

Crema di cipolle rosse di Tropea

La cipolla di Tropea è la cipolla rossa coltivata in Calabria, tra Tropea (Vv) nei comuni di Ricadi e Parghelia, Nicotera (Vv), Campora San Giovanni (Cs), Amantea (Cs) e lungo la fascia tirrenica. E’ coltivata in queste zone da oltre duemila anni, importata dai Fenici, e da oltre un secolo contribuisce, con il turismo, allo sviluppo economico della zona. La sua dolcezza dipende dal microclima particolarmente stabile nel periodo invernale e per l’azione di mitezza esercitata dalla vicinanza del mare e dei terreni freschi e limosi che determinano le caratteristiche pregiate del prodotto.

Cipollatropea.jpg

La seguente salsa è ottima per condire bruschette e crostini o per insaporire primi (zuppe, tagliatelle, maccheroni, ravioli) e secondi (salmone, branzino, tonno, scaloppine, fegato, arrosto di maiale, tofu, seitan), in particolare se accompagnata da formaggi a pasta molle (Brie, il Gorgonzola, l’Asiago, Formaggio di fossa) e formaggi stagionati.

Ingredienti e dosi

500 gr. di cipolle rosse di Tropea pulite, 20 ml. di vino rosso, 1 foglia di alloro, 40 gr. di olio extravergine d’oliva, sale e pepe.

Preparazione

Sbucciate e lavate le cipolle, quindi ammollatele in acqua fredda per 15 minuti. Tagliatele ad anelli sottili e mettetele in padella coperta d’acqua; aggiungete la foglia d’alloro e il sale poi cuocetele per un’ora circa, fino ad ottenere un composto morbido.

Versate il vino, regolate il sale e condite con il pepe; cuocete ancora per 10 minuti. Passate il composto al mixer per ottenere una crema omogenea.

La crema di cipolle rosse è pronta per insaporire le pietanze che preferite: io l’ho utilizzata per arricchire i Cellentani con i  broccoli.

Cellentani con broccoli alla salsa di cipolla rossa

cellentani-cipolle-broccoli_

Crema di cipolle rosse di Tropea

Cellentani con i broccoli alla crema di cipolla rossa

“Cipollatropea” di Bristakya di Wikipedia in italiano – Trasferito da it.wikipedia su Commons.. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons –
salsa noci

Salsa ligure di noci

La Liguria è conosciuta per le sue bellezze naturali, i panorami ed i fiori, ma è giusto ricordare anche le specialità gastronomiche di questa regione: il tradizionale Pesto, il brodo di  pesce, la Fugassa (classica focaccia genovese), la Farinata di ceci, la Torta pasqualina con i suoi tanti strati di bontà e la Torta con le mandorle alla Mazzini.
Un’altra delizia ligure è la salsa di noci (in ligure sarsa de noxe o tocco de noxe, ajà sull’Appennino piacentino e nel Tortonese) che è un condimento a base di noci pestate a freddo nel mortaio con olio di oliva, aglio, sale e pane ammollato nel latte. La principale difficoltà in questo tipo di preparazione è da individuarsi nella pulitura dei gherigli, i quali devono essere prima scottati in acqua bollente e poi spellati manualmente uno ad uno. Esistono delle varianti come l’aggiunta di maggiorana, o di finocchietto selvatico, oppure un pizzico di menta, prezzemolo, formaggio grana. Si accompagna come condimento a tanti tipi di pastasciutta (in particolare ai pansoti), ma anche alle trofie di castagne e ai corzetti. Prima di servire alla pasta condita con la salsa, viene aggiunto del formaggio grana grattugiato.
La salsa di noci è assieme al pesto, uno dei condimenti principali della cucina ligure ed è usata prevalentemente a Genova, in provincia e nell’intero Genovesato.

.

La ricetta

Ingredienti

500 gr. di noci, un piccolo spicchio d’aglio, olio di oliva evo ligure, mollica di pane, prescinsêua (latte cagliato ligure), sale.

 Preparazione

Scottate in acqua bollente i gherigli delle noci, in modo da poterli pelare con facilità. Metteteli un po’ alla volta in un mortaio, unite la mollica di pane, che avrete precedentemente bagnata nell’acqua e strizzata (assorbirà l’olio delle noci che darebbe un sapore amarognolo alla salsa). quindi aglio e sale. Pestate gli ingredienti sino ad ottenere una crema ben amalgamata. Setacciate poi la salsa, facendola cadere in una scodella, unitevi il latte cagliato (prescinsêua), e tre cucchiai di olio evo. Mescolate ancora.

Con questa salsa potete condire pesce, carne o pasta (in questo caso aggiungete abbondante parmigiano grattugiato.

Mazze di tamburo fritti in salsa di noci

Per la Festa dei Becchi di Sant’Arcangelo di R. ecco la Pasta verde ripiena al formaggio di fossa con gherigli di noci

Scaloppine con funghi in salsa di noci

 

 

Salsa Chimichurri

Salsa Chimichurri

Il chimichurri (o chimmichurri) è originario dell’Argentina e dell’ Uruguay ed è una salsa utilizzata per condire carni alla griglia in numerosi paesi sudamericani, come la Picanha argentina (è il nome del codone di manzo che nei paesi latini è chiamata Tapa de cuadril).
Un aneddoto circa l’origine del nome fa riferimento ad un certo “Jimmy McCurry”, un irlandese a cui viene attribuita la ricetta originale. Sempre secondo tale versione, si trattava di un soldato al seguito delle truppe del generale Jasson Ospina nel XIX secolo, essendo simpatizzante della causa dell’indipendenza argentina. La salsa divenne popolare e la ricetta fu tramandata ma, essendo il nome “Jimmy McCurry” ostico da pronunciare per gli argentini, col tempo venne deformato appunto in chimichurri, anche se altre versioni affermano che fu così modificato proprio in onore di Mc Curry. (continua)
Choripan.jpg
Due versioni della Salsa Chimichurri

Prima ricetta

Ingredienti
Un mazzetto di prezzemolo, 120 gr. di olio extravergine di oliva, 3 cucchiai di aceto di mele, 60 gr. di cipollotto fresco, 3 p 4 spicchi d’aglio, un cucchiaino di pepe nero in polvere, 40 gr. di origano, un cucchiaino di paprika dolce o piccante, mezzo cucchiaino di sale.
Preparazione
Tritare a coltello, molto sottile la cipolla e l’aglio, mescolate tutti gli ingredienti e versateli in un barattolo di vetro. Chiudete il coperchio e agitate vigorosamente più volte. Mettete il vaso in frigo e lasciate passare almeno cinque giorni prima di aprirlo. Questa salsa serve soprattutto a dar sapore alla carne, e ne bastano poche gocce.

Chimichurri_Sauce_Recipe_salsa (3)Chimichurri_Sauce_Recipe_(13294229785)Chimichurri_Sauce_Recipe salsa (2)Chimichurri_Sauce_Recipe salsa.

.

.

.

Seconda ricetta

Ingredienti
1/2 bicchiere d’olio evo, 1 bicchiere di acqua tiepida, 1 bicchiere di aceto o 1/2 di aceto e 1/2 di vino rosso, 1 peperone rosso piccolo tagliato fine, 1 pomodoro medio tagliato in quadratini, 1 scalogno tagliato fine, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 2 spicchi d’aglio tritato, 1 cucchiaino da té di paprika dolce o piccante, 1 cucchiaino da caffé di peperoncino rosso secco e macinato, 2 foglie di alloro sminuzzate, 1 cucchiaino di origano, sale.
Preparazione
Tutti gli ingredienti devono essere tagliati a mano affinché possano mantenere il gusto originale. Far macerare il composto per dodici ore prima di usare la salsa che nel frattempo deve essere rigirata di tanto in tanto. Questa salsa cruda non può essere conservata a lungo, perché alcuni ingredienti, acquistano un sapore forte.

Picanha con Salsa Chimichurri

Salsa BBQ fatta in casa

Salsa Chimichurri Foto Di SimpleFoodie – Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3431681
Di Dominic Lockyer – Chimichurri Sauce Recipe, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35375344
Di Dominic Lockyer – Chimichurri Sauce Recipe, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35375337
Di Dominic Lockyer – Chimichurri Sauce Recipe, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35375338
Di Dominic Lockyer – Chimichurri Sauce Recipe, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35375336
Di Dominic Lockyer – Chimichurri Sauce Recipe, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=35375331
Tzatziki_ cetrioli salsa

Tzatziki, salsa greca ai cetrioli e yogurt

Tzatziki, meze (condimento) o antipasto greco, usato anche come salsa by Nikodem Nijaki

.

Lo tzatziki (in greco τζατζίκι, in bulgaro снежанка e in armeno cacık) è un tipo di antipasto greco, bulgaro e armeno usato anche come salsa o contorno. In Grecia, lo Tzatziki, si mangia da secoli con la Pita o pane arabo

 Ingredienti e dosi

400 gr. di yogurt greco, 2 cetrioli medi, 4 spicchi d’aglio, 4 cucchiai d’olio, 2 cucchiai di aceto bianco, 3 rametti di aneto, sale.

Preparazione

Pulite, pelate e grattugiate i cetrioli utilizzando una grattugia a buchi grandi o una mandolina raccogliendoli in un panno. Strizzate bene per asciugarli dal liquido di vegetazione, quindi salateli. 

-tzatziki-salsa-grecaN   -tzatziki-salsa-greca (4)   -tzatziki-salsa-greca (2)

Tritate l’aglio finissimo e unitelo ai cetrioli, unite anche l’aceto e lo yogurt ed amalgamate bene gli ingredienti con la frusta. Aggiungete l’olio extravergine d’oliva e regolate di sale. Prima di riporre nel frigorifero versate poco olio sopra con un po’ di prezzemolo.

-tzatziki-salsa-greca--tzatziki-salsa-grecatzatziki salsa cetrioli Greek_yoghurt_cucumbers_garlic

 

 

 

 

A piacere potrete spolverizzare la salsa con paprika e decorare con olive nere cotte al forno. Se lo volete più piccante aggiungete altro aglio oppure mandorle o nocciole pelate e tritate fine.

File:Tzatziki meze or appetizer, also used as a sauce.jpg

Lo tzatziki (in greco τζατζίκι, in bulgaro снежанка e in albanese Tarator) è un tipo di antipasto greco, bulgaro e albanese usato anche come salsa o contorno e diffuso nei Balcani meridional
La base comune a tutte le principali tradizioni viene preparata con yogurt, generalmente di pecora o di capra, cetrioli, in forma di purea o finemente spezzettati, aglio, sale e olio d’oliva. Altri ingredienti vengono aggiunti nelle ricette tipiche o secondo il proprio gusto; generalmente è arricchito con varie erbe, tra cui l’aneto e la menta. A volte si aggiunge, inoltre, un cucchiaio di aceto e/o una quantità variabile di cipolla o altre spezie aromatiche. […]
Fonte: Wikipedia
Tzatziki, salsa greca ai cetrioli e yogurt
Foto [[File:Tzatziki IMGP1411.jpg|Tzatziki_IMGP1411]] – [[File:Greek yoghurt cucumbers garlic.jpg|Greek_yoghurt_cucumbers_garlic]] -[[File:Tzatziki meze or appetizer, also used as a sauce.jpg|Tzatziki_meze_or_appetizer,_also_used_as_a_sauce]]
3 Corriere delle Signore, febbraio 16 anno 1901

#1 – il Corriere delle Signore, febbraio 16 anno 1901

corriere,radici,stufatomostarda,1901,capelli
16 febbraio 1901

Economia domestica

¹Navóne s. m. [der. del lat. napus, che aveva lo stesso sign.]. – (Rutabaga, rapa svedese, brassica) Erba delle crocifere (Brassica napus, cv. napobrassica), con radice carnosa e allungata, di aspetto simile alle rape, di color bianco, rosso o giallo, coltivata per foraggio e anche per l’alimentazione dell’uomo.

 L’ arte di farsi belle

  • I capelli – E’ un errore diffusissimo quello di credere che sia giusto tagliare interamente, almeno una volta o due, i capelli alle ragazzine, durante la loro fanciullezza; un simile sacrificio non produsse mai vantaggio alcuno. Così pure è un pregiudizio antiquato quello che induce i parrucchieri a tagliare le punte dei capelli, credendo di produrre con ciò un vantaggio alla capigliatura.
    Per conservar bene i vostri capelli lavateli spesso con buone ricette indicatevi, fate che prendano aria scuotendoli ogni mattino ed ogni sera tenendoli alcun po’ sciolti, esponendoli al sole, non portando troppo il cappello o adottandone di leggerissimi.
#1 il Corriere delle Signore, storione salsa sainte menehould

#3 – il Corriere delle Signore, ottobre 26 anno 1901

corriere,signore,anno,1901,storionee,saint ménèould,frittata,formaggio,nuovo,cold cream.

26 ottobre 1901

Economia domestica

  • Storione alla Saint-Ménèould
  • Salsa Saint- Ménéould
  • Frittata col formaggio, Sbattete le uova bene mettendovi del buon formaggio fritto, sale pepe ed un poco di crema, versatele nella padella quando il burro è caldo e liquefatto, levatene la cotenna. Taluno si accontenta di polverizzare con formaggio la frittata materiale

L’ arte di farsi belle

  • Nuovo Cold-Cream. Cera bianca……..150 grammi
    Olio di paraffina…..600 grammi
    Acqua………………..240 grammi
    Borace¹……………. ..10 grammi
    Essenza di geranio….1 grammo
    Essenza di rose……..4 grammi
    Si scioglie la cera nell’olio, ed a parte il borace nell’acqua, e portando le due soluzioni alla stessa temperatura, non superiore a 60° si versa la soluzione acquosa in quella oleosa agitando continuamente, aggiungendo le essenze per ultimo. Si ottiene così un cold-ceam bianco come la neve, soffice, che si conserva bene tanto in estate che in inverno, per la cui preparazione non si impiegano più di 15 minuti.

¹Il borace è un sale che fu portato in Europa da Marco Polo ed ebbe come conseguenza lo sviluppo di un’industria di raffinazione nella zona di Venezia dove veniva prodotto il cosiddetto borace veneziano. Si trova naturalmente nei depositi di evaporite prodotti dalla ripetuta evaporazione dei laghi stagionali.
Il borace viene usato ampiamente in detergenti, addolcitori d’acqua, saponi, disinfettanti, e pesticidi. Può essere anche facilmente convertito in acido borico o borato, che hanno molte altre applicazioni. In farmacopea l’acido borico si usa come leggero antisettico per l’aspersione e la pulizia degli occhi.

Storione alla Saint-Ménèould, Frittata col formaggio

storione sainte menehould (2)

Grilled sturgeon (20228948905).jpg [[File:Grilled sturgeon (20228948905).jpg|Grilled_sturgeon_(20228948905)Sturgeon raw steaks in Centrāltirgus, Riga, Latvia, May 2019.jpg [[File:Sturgeon raw steaks in Centrāltirgus, Riga, Latvia, May 2019.jpg|Sturgeon_raw_steaks_in_Centrāltirgus,_Riga,_Latvia,_May_2019]]